Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Resurrezione fu scritto tra il 1889 e il 1899. Il tema fu suggerito all'autore da un amico giurista che gli raccontò un fatto reale ovvero la storia di una ragazza di 16 anni che, rimasta orfana, venne ospitata in casa di parenti. Qui, sedotta da un giovane appartenente a quel ramo familiare, una volta scoperta la gravidanza, venne scacciata dalla benefattrice ed abbandonata dall'uomo. I due si riincontrarono poi in situazioni drammatiche. Ma il romanzo ha anche connotati autobiografici. Prima del matrimonio, Tolstoj aveva sedotto una cameriera che viveva in casa di una sua zia; la ragazza era poi stata scacciata e "si era persa" In quello stesso periodo giovanile, Tolstoj aveva avuto un figlio (che non aveva accettato di riconoscere) da una contadina sposata. Il riscatto interiore vissuto da Neljudov è ovviamente lo stesso che Tolstoj aveva ricercato nella propria vita con la sua conversione morale. Il romanzo denuncia in particolare la disumanità delle condizioni carcerarie e l'insensatezza delle vigenti istituzioni giudiziarie. Qual è la via di scampo? Un approccio radicale alla morale cristiana, intesa, quale buona novella rivolta agli ultimi della società, come iniziativa etica atta a migliorare concretamente la vita degli uomini oppressi su questa terra. La "resurrezione" dei protagonisti avviene quindi nell'accezione metaforica di una rinascita etica, simile a quella vissuta (o perlomeno disperatamente cercata, nonostante le contrapposizioni con la moglie e i familiari) dallo stesso Tolstoj. Cornice musicale: Tchaikovsky, quartetto d'archi n. 1.

Public Domain (P)2015 Silvia Cecchini

Cosa pensano gli ascoltatori di Resurrezione

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    31
  • 4 stelle
    11
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    21
  • 4 stelle
    13
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    2
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    32
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • giorgio
  • 01/03/2018

meraviglioso

Se non conosci questo capolavoro, questa è una occasione imperdibile.
Facile (rispetto a Guerra e Pace, per capirci), con una trama lineare, è un compendio di riflessioni di una attualità sconvolgente. La modernità dell'ultimo Tolstoj lascia stupefatti. Utilissimo, in ogni stagione della vita. La Cecchini è una garanzia. Lettura "piana" ma perfetta perché non pone un filtro interpretativo tra testo ed ascoltatore. A suo modo è un libro rivoluzionario. Consiglio vivamente.

2 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • ila
  • 23/12/2020

Resurrezione

Molto più che un romanzo. Un viaggio nella essenza profonda della struttura del potere e dell'istituzione carceraria. Di una attualità impressionante.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Paola M
  • 10/05/2020

Un capolavoro sottovalutato

Di una modernitá disarmante. Me lo sono bevuto tutto d’un fiato. Vagamente autobiografico. Lo consiglio vivamente. Brava la lettrice.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Veronica Bridi
  • 25/05/2019

Sorprendente

Tolstoj non delude mai, ma in questo caso è davvero sorprendente. Gradevole anche il sottofondo musicale.