Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

La prima edizione di quest'opera risale al 1901, e da allora la parola lapsus fu quasi inevitabilmente trasformata in "lapsus freudiano".

L'ipotesi dell'autore che ogni lapsus è una strategia dei pensieri inconsci per uscire allo scoperto e far breccia nella mente di chi li subisce viene illustrata da numerosi esempi. È così che una gaffe imbarazzante può diventare una vera risorsa per la conoscenza di se stessi. Conclude l'audiolibro un capitolo molto interessante in cui si parla anche della superstizione e dei déjà vu.

©1944 public domain (P)2019 Silvia Cecchini

Cosa pensano gli ascoltatori di Psicopatologia della vita quotidiana

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    15
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    9
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    3
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    15
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Dominy
  • 01/11/2020

Ottimo

Ben letto, ben interpretato. Sul libro credo ci sia poco da dire, la base per ogni psicologo.

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marco
  • 24/10/2020

Mi spiace

Già di sé è un libro che richiede concentrazione, ma con una lettrice così é impossibile ascoltarlo e ancora meglio finirlo. Per la prima volta dopo decine di libri ascoltati ho dovuto ridurre la velocità di lettura, ma nemmeno così ho potuto avanzare. Peccato, lettura troppo veloce e sbrigativa senza un giusto tono. Per un libro di questo spessore è un danno.

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • monsterqueen
  • 08/04/2020

Immenso Freud ma...

Ovviamente non è un libro di facilissima comprensione, ma estremamente affascinante. Purtroppo la lettrice ha un tono talmente piatto e noioso, che rende il tutto molto pesante