La scienza del respiro e del pranayama

Letto da: Vita Wulff
Durata: 7 ore e 3 min
4,0 out of 5 stars (5 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Si può dire che tutto l'universo e tutte le cose create sono fondate sulla respirazione, e che tutto respira e vibra, essendo questa funzione una condizione di vita. Respirano i mari, con l'evaporazione e con l'alta e bassa marea; respira la terra, respirano i monti (vulcani, ghiacciai), respirano le piante, respirano gli animali, dal più grande al piccolissimo.

L'uomo può vivere molti giorni senza mangiare, pochi senza bere; ma solo per pochi minuti può sospendere la respirazione senza morirne. Da una perfetta respirazione dipende una completa vitalità, l'immunità e la cura dalle indisposizioni. La percentuale degli uomini civili che sanno respirare e respirano correttamente è oggi molto ridotta.

Parrà un insulto dire che in Occidente non si sa respirare bene, che non si conoscono gli effetti, i benefici di una buona respirazione, che s'ignora come diversi malanni provengano da una cattiva respirazione. come pure finora non si è neppure sospettato che molte indisposizioni si possono curare semplicemente col mezzo d'una buona respirazione.

Ad esempio, quasi sempre, presso di noi, allorché taluno si trova aggravato da un malessere generale e non sente il solito appetito, ricorre a stimolanti, mentre, per lo più, basterebbe un esercizio di 10 minuti di respirazione completa, alternata con qualche respirazione purificatrice, in un'aria libera ed il più possibilmente pura, per trovarsi piuttosto rinvigoriti e sentirsi sbarazzare lo stomaco e ridestare l'appetito.

Sembrerà altresì ingiurioso, per la scienza ed il progresso dell'Occidente, l'affermare che fino a questi ultimi tempi, solo qualche chimico aveva sospettato che oltre ai soliti conosciuti componenti: ossigeno idrogeno, azoto, ecc., vi fosse nell'aria la presenza di un altro elemento inafferrabile ed indefinibile, che è il PRANA, sostanza nervina, mentale, vitale e vivificatrice, da molto tempo conosciuta agli yoghi d'Oriente, che nelle loro scuole di respirazione insegnano il modo di raccogliere il prana dall'universale deposito che vi è nell'aria, per immagazzinarlo nei polmoni e distribuirlo a tutte le parti del corpo e specialmente a quelle che hanno più bisogno di essere rinvigorite.

Colui che riesce a comprendere questo Prana, ha compreso l'essenza stessa della vita e dell'attività cosmica. Colui che ha conquistato e controllato questa essenza, non solo ha assoggettato il proprio corpo e la propria mente, ma anche tutti i corpi e le menti in questo universo.

Quindi, il Pranayama o il controllo del Prana è il mezzo con cui lo Yogi cerca di realizzare nel suo piccolo corpo l'intera vita cosmica, e cerca di raggiungere la perfezione ottenendo tutti i poteri dell'universo. I vari esercizi e allenamenti che egli svolge servono a questo scopo.

©2020 David De Angelis (P)2020 David De Angelis

Cosa pensano gli ascoltatori di La scienza del respiro e del pranayama

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Storia
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • matteo
  • 15/10/2020

AUDIO DOES NOT WORK

Simply here is missing the AUDIO!! non si sente niente, traccia vuota, devono ripristinare il file, cosi non funziona