L'Arminuta

Letto da: Jasmine Trinca
Durata: 4 ore e 46 min
4.5 out of 5 stars (2.112 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Vincitore Premio Campiello 2017

Ci sono romanzi che toccano corde così profonde, originarie, che sembrano chiamarci per nome. È quello che accade con "L'Arminuta" fin dalla prima pagina, quando la protagonista, con una valigia in mano e una sacca di scarpe nell'altra, suona a una porta sconosciuta. Ad aprirle, sua sorella Adriana, gli occhi stropicciati, le trecce sfatte: non si sono mai viste prima.

Inizia così questa storia dirompente e ammaliatrice: con una ragazzina che da un giorno all'altro perde tutto - una casa confortevole, le amiche più care, l'affetto incondizionato dei genitori. O meglio, di quelli che credeva i suoi genitori. Per "l'Arminuta" (la ritornata), come la chiamano i compagni, comincia una nuova e diversissima vita. La casa è piccola, buia, ci sono fratelli dappertutto e poco cibo sul tavolo. Ma c'è Adriana, che condivide il letto con lei. E c'è Vincenzo, che la guarda come fosse già una donna. E in quello sguardo irrequieto, smaliziato, lei può forse perdersi per cominciare a ritrovarsi.

L'accettazione di un doppio abbandono è possibile solo tornando alla fonte, a se stessi. Donatella Di Pietrantonio conosce le parole per dirlo, e affronta il tema della maternità, della responsabilità e della cura da una prospettiva originale e con una rara intensità espressiva. Le basta dare ascolto alla sua terra, a quell'Abruzzo poco conosciuto, ruvido e aspro, che improvvisamente si accende col riflesso del mare.
 

>> Questo audiobook in edizione integrale vi è offerto in esclusiva per Audible ed è disponibile solamente in formato audio digitale.

©2017 Einaudi (P)2018 Einaudi

Cosa pensando gli ascoltatori di L'Arminuta

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1.514
  • 4 stelle
    487
  • 3 stelle
    88
  • 2 stelle
    14
  • 1 stella
    9
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1.420
  • 4 stelle
    356
  • 3 stelle
    126
  • 2 stelle
    32
  • 1 stella
    27
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1.361
  • 4 stelle
    465
  • 3 stelle
    94
  • 2 stelle
    13
  • 1 stella
    11

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • leila
  • 02/09/2018

Ottima interpretazione

Innanzi tutto un ottimo all'interpretazione di Jasmine Trinca, molto accurata e coinvolgente.
Il racconto mi è piaciuto, soprattutto la prima parte in cui si ha una minuziosa descrizione di ambiente e sentimenti. Da un certo punto, quando si svela il mistero, mi è sembrato un precipitoso correre verso la conclusione.
È stata comunque una piacevole lettura.

21 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Silvia Pasquali
  • 05/09/2018

Bello

Molto ben scritto, realistico ma ricco di sentimenti complessi e ben espressi. Vale la pena.

12 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Antonella
  • 13/08/2019

Complicità in due solitudini

Romanzo triste che racconta la solitudine affettiva di due adolescenti che trovandosi a vivere insieme condividono lel oro abitudini diverse vicendevolmente che nonostante tutto riescono, in un certo senso, a fare proprie contrastando con il un mondo adulto anaffettivo.

3 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 08/08/2019

Commovente e interpretato in modo perfetto

Tuffati in questa esplorazione toccante e carnale dei sentimenti più profondi, dei legami più necessari. La maternità e la famiglia sono qui un groviglio di bisogni intimi e disagi incurabili da cui solo sentimenti veri e puri, dichiarati con schiettezza, possono salvare. Interpretazione magistrale di Jasmine Trinca: ipnotica , impossibile distrarsi.
Consigliatissimo.

2 people found this helpful

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Maudit
  • 14/11/2018

lettura pessima, libro molto bello

Ho fatto realmente fatica a portare a termine l'ascolto di questo audiolibro. Non a causa del contenuto, il libro è indubbiamente bello, ben scritto e avvincente, quanto per la lettura. La lettura della Trinca è piatta e monocorde, con un andamento sospirato che prima risulta solamente soporifero, poi quasi irritante. Davvero una pessima interpretazione per un buon romanzo. evitate l'audio libro.

11 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Anna Sorbino
  • 04/12/2018

Intenso.

Mi ha piacevolmente stupito, l'intensità delle descrizioni, la storia di una bambina che è stata gettata nel mondo, la storia di persone che combattono con i lati negativi della quotidianità. La storia di due sorelle che si ritrovano.
La voce di Jasmine Trinca si adattava perfettamente a quella che immaginavo avesse la protagonista "l'Arminuta".
Lo consiglio.

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 20/11/2018

L’Arminuta

Il linguaggio apparentemente carni ed essenziale traduce visivamente la miseria umana che livella sullo stesso sfondo poveracci ed agiati ipocriti. Su questo scenario desolato si stagliano le figure dell’Arminuta e di Adriana, nella loro vivida complicità. A ricordarci che la famiglia è sempre quella d’elezione.

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • fabio
  • 03/08/2020

Stupendo

Uno di quei libri che vorresti non finissero mai.
Bellissimo. Si respira l'atmosfera in ogni parola del racconto.

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Cliente Kindle
  • 25/07/2020

Gente d'Abruzzo

L'eterno tema della maternità voluta ma vissuta con sofferenza si staglia nella forza e nella durezza di una terra da sempre dimenticata ma pur sempre avvolgente e madre anch'essa.
Con un realismo asciutto e drammatico, l'autrice racconta il tormento della protagonista attraverso i ritratti umani, i costumi, i luoghi, i colori, i sapori, gli odori e la vita di quegli anni settanta così moderni, ma anche così lontani, in quella terra aspra, gentile e discreta, spesso ricordata solo per le tragedie che l'hanno segnata. Uno spaccato fedele di un mondo descritto con delicate ma efficaci pennellate. Per me, coetaneo e conterraneo della protagonista, è stato come rivivere in prima persona quegli anni e quei luoghi con esperienze di vita simili. Da leggere per chi c'era e soprattutto per chi vuole conoscere un mondo poco conosciuto in bilico tra il moderno e l'antico.

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Francesco dB
  • 21/07/2020

Bello ma... senz'anima!

A parte la lettura di Jasmine Trinca, non ho trovato nulla di eccezionale in questo racconto. Ben scritto, per carità, accurato nella descrizione della via intima e psicologica della protagonista, ma racconto scontato e prevedibile.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Amazon Customer
  • 03/10/2019

bellissimo

storia bella e
potente, scritto benissimo e letto egregiamente da Jasmine Trinca. Lo consiglio vivamente

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • emanuela
  • 06/04/2019

meraviglioso

storia emozionante, narratrice eccezionale, è stato solo troppo breve, avrei voluto non finisse cosi presto