Ascolta ora gratuitamente con il tuo abbonamento Audible

9,99 € /mese

Dopo 30 giorni, 9,99 €/mese. Cancelli quando vuoi.
Ottieni accesso illimitato a questo titolo e a una raccolta di oltre 60.000 titoli.
Prezzo esclusivo per i membri di 9,99 EUR o inferiore su un catalogo esteso di audiolibri.
Nessun impegno. Cancella in qualsiasi momento e conserva tutti i titoli acquistati.

Sintesi dell'editore

Per secoli, la mente umana è sembrata trasparente. Si sapeva che qualcosa sfuggiva al controllo della coscienza, ma si trattava di messaggi inviati dagli dèi. Poi, tutto cambia. Con Freud è l'inconscio che spiega l'origine e il significato dei sogni, ma anche le sviste e i lapsus della vita quotidiana.

Un inconscio che tutti noi conosciamo, ma che non è l'unico. Incontreremo qui altri inconsci; quello, pervasivo, che chiamiamo cognitivo e che è l'esito dell'evoluzione naturale del cervello. E ancora: la mole enorme di informazioni che ci sommerge attraverso gli schermi dei nostri computer ha creato una sorta d'inconscio artificiale, fonte di trappole insidiose per il nostro giudizio.

Conoscere i molteplici inconsci e capire come interagiscono significa smascherare i meccanismi che ci possono ingannare, e che ci illudono di essere più consapevoli di quanto in realtà siamo.

©2018 Società editrice il Mulino Spa (P)2021 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di Molti inconsci per un cervello

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Storia
  • 3 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    2

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Cri
  • 14/05/2021

Il linguaggio non è inclusivo. Anche la donna fa parte del genere umano.

Fastidioso l’uso del termine “uomo” per riferirsi al genere umano.
Io non sono un uomo, sono una persona, e mi dà fastidio che si dica per es. “l’uomo si è interrogato sull’età della terra” on”l’uomo è comparso sulla terra”. “Solo l’uomo è capace di creare strumenti” Le donne non sono comparse sulla terra? Le donne non si sono interrogate sull’età della terra? Non sono capaci di creare strumenti?
Soprattutto perché i due autori hanno avuto ampie opportunità di apprendere l’uso di un linguaggio inclusivo in ambito accademico, questo linguaggio non è accettabile nel 2018.
Il lettore, poi, sembra quasi voler rimarcare questo errore stilistico, enfatizzando la parola uomo quando la pronuncia.
Peccato.

1 persona l'ha trovata utile