Se l'acqua ride

Letto da: Fabrizio Rocchi
Durata: 5 ore e 28 min
4.5 out of 5 stars (44 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Sulla corrente dei fiumi nulla cambia mai davvero. Al timone degli affusolati burchi dal fondo piatto, da sempre i barcari trasportano merci lungo la rete di acque che si snoda da Cremona a Trieste, da Ferrara a Treviso.

Quando Ganbeto sale come mozzo sulla Teresina del nonno Caronte, l'estate si fa epica e avventurosa. Sono i ruggenti anni '60, nelle case entrano il bagno e la televisione in bianco e nero, Carosello e il maestro Manzi. I trasporti viaggiano sempre più via terra, e i pochi burchi che ancora resistono, per ostinazione oltre che per profitto, preferiscono la sicurezza del motore ai ritmi lenti delle correnti e delle maree.

Quello del barcaro è un mestiere antico, ma l'acqua non dà certezze, e molti uomini sono costretti a impiegarsi come operai nelle grandi fabbriche. A bordo della Teresina, Ganbeto si sente invincibile. Gli attracchi, le osterie, le burrasche, il mare e la laguna, le campane di piazza San Marco, i coloriti modi di dire di Caronte e i suoi cappelli estrosi, le ragazze che s'incontrano lungo le rotte.

Presto, però, non potrà più far finta di niente, lui che ha un piede nel vecchio e uno nel nuovo dovrà imparare la lezione piú dolorosa di tutte: per crescere bisogna sempre lasciare indietro qualcosa. "Poche cose restavano chiare, nella sua mente: che Pellestrina è un'isola magnifica. Che il mare ti entra dentro più dei fiumi. Che, soprattutto, non avrebbe mai fatto altro nella vita: il barcaro era l'arte per la quale sentiva di essere nato". 

È il 1966, l'anno della grande alluvione. Ganbeto conquista i canali sul burchio del nonno Caronte, imparando a vivere a colpi di remo.

In copertina: illustrazione di Alessandro Sanna.

©2020 Einaudi (P)2020 Einaudi

Cosa pensando gli ascoltatori di Se l'acqua ride

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    27
  • 4 stelle
    12
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    29
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    30
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    6
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • MP
  • 12/06/2020

un affresco di una Italia poco nota

lo ho bevuto letteralmente, la narrazione è scorsa veloce come le acque del Po, che sono le protagoniste in questa bella storia che racconta di un pezzo dell'Italia anni 60 con la voce di un ragazzo di paese che passa dall'adolescenza all'età adulta davanti ai nostri occhi ,con ironia e profondità

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Walter
  • 10/06/2020

una storia tutta veneta

una storia del bum economico italiano quando certi lavori sono spariti definitivamente dalla nostra storia.
racconto piacevole narrazione più bresciana che padovana visti i termini e località con l'accento sbagliato ma nell'insieme ppsitivo

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 08/06/2020

Atmosfera d'altri tempi

E' un bel libro, mi è piaciuta l'atmosfera che trasportava il lettore dentro la storia e nel tempo passato. ne consiglio la lettura.
Il lettore è molto bravo quando legge in italiano ma ne avrei preferito uno con qualche nozione di pronuncia veneta., Inoltre qualche frsse, verso la fine, è ripetuta.