Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

A Connecticut Yankee in King Arthur's Court, 1889) è un celebre romanzo dello scrittore e umorista statunitense Mark Twain. Rappresenta uno dei primi esempi di romanzo basato sul tema del viaggio nel tempo.Di questo romanzo, che alterna momenti toccanti a pezzi di grande umorismo, mai scontati, Mark Twain sembra quasi fare un manifesto dei propri principi e ideali. Apparentemente la civiltà moderna la vince alla lunga sul vecchio mondo, ma….

©2015 Silvia Cecchini (P)2015 Silvia Cecchini

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    8
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    2

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    12
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Rachele
  • 27/01/2020

Pessima lettura

Ero molto interessata a questo testo, che ho trovato originale e poco (a torto) conosciuto, ma la lettura è scadente e la registrazione piena di errori

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Sissi
  • 13/11/2019

Divertente e avvincente

Come primo approccio a Mark Twain mi devo confessare molto soddisfatta: mi aspettavo fosse un opera molto più pesante e invece l'ho trovata scorrevole, dal sarcasmo pungente ed esilarante, farcita di dettagli interessanti sulla vita nel medioevo; stuzzicante anche la polemica contro la Chiesa Cattolica. Certo, in alcune occasioni, le informazioni sulla situazione attuale (del medioevo) e sulle innovazioni da lui apportate mi sono risultate un po' troppo minuziose e prolisse, ma nell'insieme non mi hanno infastidito eccessivamente.
Per quanto riguarda la narratrice invece, ottima dizione italiana, tanti complimenti, però non l'ho trovata adatta a questo libro: troppo monocorde e seria, inappropriata specialmente in alcune scene molto ironiche che, secondo me, hanno un po' perso lette in questo modo. È comunque un'opinione personale, la sua lettura è ineccepibile.