I fratelli Ashkenazi 2

Letto da: Moni Ovadia
Serie: I fratelli Ashkenazi, Titolo 2
Durata: 9 ore e 26 min
5 out of 5 stars (90 recensioni)
Dopo 30 giorni EUR 9,99/mese

Sintesi dell'editore

Uno dei capolavori delle letteratura del '900 nella pregevole traduzione di Bruno Fonzi.  

Una lunga fila di emigranti è in marcia verso la città polacca di Lodz: fra loro una variopinta comunità di ebrei ortodossi che intende guadagnarsi da vivere con la tradizionale filatura a telaio. Sarà il seme dal quale nasceranno grandi industrie tessili capaci di imporre le loro merci in tutta l'Europa. 

In questo piccolo e operoso mondo, dove il tempo è scandito dal lavoro e dalle pratiche religiose, nascono i due figli del pio Reb Abraham Hirsch Ashkenazi, opposti nel carattere fin dalla prima infanzia: Jakob Bunin, vitale e generoso, rappresenta la forza naturale e l'istinto gioioso di vivere, mentre Simcha Meier, introverso e abile negli affari, riversa la sua febbrile inquietudine nell'imprenditoria. La parabola dell'esistenza porterà Jakob ad affermarsi con il suo talento di comunicatore, mentre Simcha toccherà le vette del capitalismo industriale grazie a un miscuglio di cupidigia e lungimiranza che tutto travolge in nome del profitto. 

Attorno a loro, tra la fine dell'Ottocento e il primo conflitto mondiale, si svolgono le grandi vicende della Storia e gli eventi minimi di una folla di personaggi uniti dalla comune spiritualità ebraica, che sfocia in conflitti generazionali, al punto di indurre i giovani a un progressivo allontanamento dalla tradizione dei padri, fino a esperienze estreme come la rivoluzione, la negazione degli affetti familiari e l'affermazione dell'individualismo assoluto. 

Per Jakob e Simcha, divisi per quasi tutta la loro vita, il risultato è il distacco dal giudaismo, con la conseguente perdita della propria identità per costruirsi una rispettabilità borghese. Ma tutto è inutile, destinato al fallimento. Insieme al capitalismo si sgretolano i destini di uomini e donne travolti dal tempo e dalla Storia. Dei fratelli Ashkenazi, riuniti in un ultimo, disperato abbraccio, non resterà che l'infinita vanità del tutto. 

Israel Joshua Singer racconta la grandiosa e feroce epopea borghese degli ebrei polacchi in un romanzo insieme corale e individuale, nel solco del grande realismo ottocentesco ma percorso dalle inquietudini del Novecento: un magistrale affresco che si pone come il pendant ebraico de "I Buddenbrook" di Thomas Mann, e che spiega perché il premio Nobel Isaac Singer disse dell'amato fratello: "Sto ancora imparando da lui e dalla sua opera".

©1986 Longanesi (P)2019 Adriano Salani Editore

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    72
  • 4 stelle
    16
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    76
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Storia

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    71
  • 4 stelle
    13
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 19/12/2019

Racconto bellissimo

Racconto bellissimo e avvincente, che inquadra e descrive bene un affresco della storia e della civiltà del momento

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Angelina
  • 24/11/2019

COINVOLGENTE E STORICO

Coinvolgente e storico. Naturalmente mi è piaciuto un po’ di più il primo libro perché era storia più mirata alla famiglia Ashkenazi il secondo è anche molta cronaca di quei tempi. Anche per questo mi è piaciuto.
Il finale è perfetto. Insegna quanto il potere e i soldi non comprano neppure l’affetto di un umile cane. Il lettore è bravissimo, complimenti.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • GIACRI
  • 01/11/2019

sempre avvincente Singer

la saga di una famiglia ebrea si intreccia con eventi storici, personaggi, vicende umane le più diverse. l'ambientazione nella comunità ebraica rende il racconto ancor più suggestivo e affascinante. I.J.Singer è una lettura immancabile.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • marila
  • 31/10/2019

Avvincente

Questo libro magnifico si dovrebbe studiare a scuola invece di tanti testi inutili. Moni Ovadia è semplicemente splendido. Consigliato a tutti specialmente a chi non ama la storia perché l’ha incontrata solo a scuola e con un docente idiota.