Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

"Io sono sempre l'invitta. Tu hai conosciuto sul mio corpo tutti i godimenti di cui ha sete il tuo desiderio senza fine; ed io mi vestirò delle menzogne che senza fine produrrà il tuo desiderio. (...) L'odore della mia pelle può dissolvere in te un mondo."

Pubblicato nel 1894, il "Trionfo della morte" conclude la cosiddetta trilogia dei Romanzi della Rosa dopo "Il piacere" e "L'innocente". Giorgio Aurispa, il protagonista del romanzo, è un Superuomo annoiato dall'esistenza insulsa e mediocre dei suoi simili, ed è quindi impegnato in una continua ricerca di un nuovo senso della vita e di una perfezione spirituale fondata sull'autodominio. Il rapporto con la sua amante, Ippolita Sanzio, per la quale egli prova una attrazione erotica irresistibile, è vissuto come un limite ed un ostacolo alla sua ricerca, rendendolo schiavo del desiderio, fino a fargli identificare in lei "la Nemica" capace di assorbire le sue forze vitali.
©2016 Claudio Carini (P)2016 Recitar Leggendo audiolibri

Cosa pensano gli ascoltatori di Trionfo della morte

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    9
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    8
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • enrico
  • 04/01/2019

Eccezionale

La voce calda e baritonale di Carini rende straordinariamente bene tutte le sfumature dei tre romanzi dannunziani, per quanto molto diversi tra loro.

3 people found this helpful

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Marpat
  • 18/01/2021

Psicopatico

È il viaggio, più nella mente che negli avvenimenti, di una persona che cerca una ragione per vivere, in quanto non riesce a trovarla nelle piccole cose. La ricerca nella natura, nella religione, nella musica, nell'amore. Un amore che a tratti diviene odio perché mai una persona potrà davvero appartenerci completamente e mai potremo essere certi che rimarrà per sempre. Questa consapevolezza lo fa vivere nel timore di perdere da un momento all'altro la sua unica ragione di vita, che diventa così la sua più grande sofferenza. Odia l'amore ma un istinto primordiale più forte della sua lucidità di pensiero lo costringe ad amare, fomentato in parte anche da quei brevi attimi in cui, idealizzandola, s' illude di poterla amare in maniera assoluta e completa. Si ritrova spesso ad incolpare questo amore per il suo malessere, ma è solo il tassello di un odio più profondo verso la borghesia, che talvolta scorge anche nelle azioni della sua amante e che gli produce attimi di sdegno interiore nei suoi confronti. Il libro è carico di eventi volti proprio a sottolineare il disagio della civiltà borghese che suscita in lui, un intellettuale, un sentimento di logorante solitudine.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Ulla
  • 16/08/2020

Lovely novel

A wonderful book. Claudio Carini che legge è un maestro. Il vate è semplicemente divino.