Operette morali

Durata: 7 ore e 26 min
4 out of 5 stars (11 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Le Operette morali sono una raccolta di ventiquattro componimenti in prosa, divise tra dialoghi e novelle dallo stile medio e ironico, scritte tra il 1824 ed il 1832. Riflessione filosofica ed empito poetico fanno sì che Leopardi, al pari di Schopenhauer e più tardi di Kafka, possa essere visto come un esistenzialista o almeno un precursore dell'EsistenzialismoI temi sono quelli cari al poeta: il rapporto dell'uomo con la storia, con i suoi simili e in particolare con la Natura, di cui Leopardi matura una personale visione filosofica; il confronto tra i valori del passato e la situazione statica e degenerata del presente; la potenza delle illusioni, la gloria e la noia.Sono tematiche riproposte alla luce del cambiamento radicale avvenuto nel cuore dello scrittore:[3] la ragione non è più un ostacolo all'infelicità, ma l'unico strumento umano per sfuggire alla disperazione.Ecco le parole di Tristano, scritte da Leopardi cinque anni prima della sua morte, in cui questi risponde a chi gli chiede di cosa fare del suo libro: "Bruciarlo è il meglio. Non lo volendo bruciare, serbarlo come un libro di sogni poetici, d'invenzioni e di capricci malinconici, ovvero come un'espressione dell'infelicità dell'autore: perché in confidenza, mio caro amico, io credo felice voi e felici tutti gli altri; ma io quanto a me, con licenza vostra e del secolo, sono infelicissimo; e tale mi credo; e tutti i giornali de' due mondi non mi persuaderanno il contrario....... Troppo sono maturo alla morte, troppo mi pare assurdo e incredibile di dovere, così morto come sono spiritualmente, così conchiusa in me da ogni parte la favola della vita, durare ancora quaranta o cinquant'anni, quanti mi sono minacciati dalla natura. "Cornice musicale: Grand Polonaise di Chopin

Public Domain (P)2013 Silvia Cecchini

Cosa pensano gli ascoltatori di Operette morali

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 2.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    0
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    4
  • 1 stella
    2
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 25/04/2019

Ascolto difficile.

Testo pesante non facile da seguire solo ascoltando, ma sempre di altissimo livello letterario. Registrazione di pessima qualità audio e montaggio, con parecchi rumori di fondo (ed. ambulanze) è una volta una frase letta due volte e persino un paio di secondi di "fuori onda" lasciati erroneamente nel mezzo della lettura. Interpretazione buona anche se non particolarmente coinvolgente. A causa di tutto ciò, ma primariamente della oggettiva difficoltà dell'opera, è stato il primo audiolibro Audible che ho fatto parecchia fatica a finire.

1 person found this helpful

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Alessandroconti399
  • 15/09/2020

Lavoro incompleto

La lettura è buona, ma piena di errori, di parti da tagliare in produzione etc. Non è stato ascoltato dai suoi produttori prima di essere pubblicato.

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • TIZIANA F.
  • 26/06/2020

Lettura a trottola

Una lettura assurdamente veloce, sembra che Silvia Cecchini stia correndo la Formula 1. Le Operette sono un testo filosofico, devi dare il tempo al lettore di assimilare. In genere sono contraria alle letture veloci, a meno che non lo richiedano parti del testo. Si faccia il confronto con la bella lettura riflessiva che fa delle delle Operette Claudio Carini. Peccato che la sua versione sia non integrale.