Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

"The wonderful visit" fu una delle prime tre opere di Wells, pubblicata nel 1895, anno in cui pubblicò anche "La macchina del tempo".

Nel racconto lungo si parla di un angelo, atterrato su questo mondo, e non riconosciuto nella sua qualità di visitatore angelico. Il rapporto fra i mondi, situazioni spazio temporali diverse, l'esistenza di una vita oltre la vita, costituiscono il substrato del racconto, oltre che essere un tema dominante nella scrittura di Wells; e non è un caso che il racconto venne dedicato al suo acaro amico, morto di polmonite quello stesso anno. Elementi satirici si mescolano a spunti dolceamari di riflessioni: una piccola gemma della letteratura fantastica.

Cornice musicale: "Resurrezione" di Mahler.
©dominio pubblico (P)2017 Silvia Cecchini

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Lettura

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    2
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Ordina per:
  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • n/a
  • 02/11/2018

Mi sono fermato

Mi sono fermato nell'ascolto del testo perché non ho apprezzato la lettura, sembrava frettolosa, ansiogena, ben diverso da quel che dovrebbe essere. Mi spiace perché mi interessava

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Giuseppe
  • 04/12/2017

fa riflettere

l arrivo di un angelo sulla nistra terra fa capire quanto meschini ed egoisti siamo noi essere umani... bel libro