Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Sicilia, prima metà del Settecento. Marianna Ucrìa, una bambina che appartiene a una nobile famiglia, è destinata come le sorelle e le cugine al matrimonio o alla clausura. Ma Marianna è sordomuta e per comunicare deve imparare a esprimersi scrivendo. A tredici anni sposa un vecchio zio e mette al mondo dei figli, ma la sua vita si arricchisce con la lettura: impara così a conoscere il mondo al di là dei ristretti confini quotidiani. Una storia che racconta di una donna straordinaria che sa affrontare la vita con coraggio e passione.
©1992 Rizzoli (P)2011 Emons Italia s.r.l.

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    80
  • 4 stelle
    37
  • 3 stelle
    11
  • 2 stelle
    3
  • 1 stella
    3

Lettura

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    72
  • 4 stelle
    28
  • 3 stelle
    13
  • 2 stelle
    6
  • 1 stella
    10

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    76
  • 4 stelle
    33
  • 3 stelle
    15
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • vicenzoni e.
  • 23/02/2019

Ansia<br />

Non sono riuscita a terminarlo perché la lettura mi metteva ansia. Troppa veemenza ed eccesso di interpretazione. La signora è una bravissima attrice ma non siamo a teatro. Gradirei una voce più gradevole e una lettura meno enfatica.

4 su 4 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Mary Bracco
  • 10/11/2018

Capolavoro recitato piuttosto che letto

Pur apprezzando molto Piera Degli Esposti trovo che la sua lettura sia troppo soggettiva nell’interpretazione e non offra modo di recepire il libro in modo neutro, come ci aspettiamo di realizzare con Audible

4 su 4 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 01/08/2019

No siamo a teatro, signora!

Appunto, non siamo a teatro perché questo è un audiolibro. Gli audiolibri richiedono una lettura senza interpretazione, una lettura quanto più possibile neutrale. Ho provato ad ascoltare quest’opera con molta difficoltà e sono riuscita ad arrivare al secondo capitolo, poi ho lasciato stare perché l’ansia che la lettrice da all’ l’interpretazione non permette a chi ascolta di dare un proprio ritmo o un propri andamento a ciò che ascolta.

Consiglio vivamente a chi produce Audiolibri di tener presente che l’interpretazione deve essere comunque quella di chi ascolta e pertanto è necessaria una lettura quanto più possibile neutra.

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • pamela buratti
  • 18/05/2019

interpretazione ansiosa

Ho fatto fatica a finirlo, diventa un pochino più scorrevole dal 20°capitolo. non mi è piaciuta l interpretazione.

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • silvia Caglio
  • 28/04/2018

Marianna, la mutola

Marianna Ucria appartiene ad una grande famiglia palermitana, è sordomuta e la storia della sua vita si srotola nella prima metà del ‘700. Nonostante sia considerata menomata rispetto agli altri figli,a 13 anni viene comunque data in moglie ad uno zio e, apparentemente succube, svolge il suo dovere di donna del tempo: sposare, figliare, far sposare i figli e farli figliare...Tuttavia Marianna ha un carattere curioso e vivace, ama leggere e per comunicare impara a scrivere presto e bene.La sua disabilità le fa sviluppare una particolare sensibilità che le permette di ‘entrare ‘ nella mente altrui. Vuole sapere se ha mai parlato e lo scoprirà solo più avanti nell’età. Vive il suo tempo , ma è sempre protesa al futuro, alla scoperta degli altri, alla gestione delle sue proprietà, finanche alla scoperta del desiderio e della passione di cui fu privata negli anni del matrimonio.
Ho amato il suo carattere forte pur nella remissione, la sua curiosità, la sua forza d’animo.
Ottima l’interpretazione che cambia con l’andar del tempo: vivace quando Marianna è ancora bambina, più calma quando la vita incomincia a metterla s dura prova, pacata nell’ultima parte.

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Katia 81
  • 16/04/2019

Interpretazione orrenda

Libro che avevo letto a ni fa ed ho amato e che mi avrebbe fatto piacere ascoltare. Ma non si può ascoltare la narratrice ha un modo di leggere che non mi piace

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Maria
  • 06/04/2019

Audiolibro abbandonato

Terribile la lettrice, mi ha fatto abbandonare l'audio libro che iniziavo ad odiare nonostante la scrittura e la storia fossero molto interessanti. La voce è costantemente affannata, tanto da trasmettermi uno stato di agitazione ingiustificata. Riprenderò la lettura su libro fisico.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Ivy70
  • 11/11/2018

Leggere e non recitare

Avevo visto il film e volevo ascoltarlo, ma la lettrice a cui è stata affidata l'interpretazione mi ha fatto desistere....dopo 5 minuti ho abbandonato.
Troppo veloce , troppi respiri, troppa ansia nel voler dare l' intonazione giusta. a volte e meglio limitarsi a leggere e non ha recitare un libro!

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • gioia tullio
  • 21/08/2018

Dolcissima Marianna!

Non si può non appassionarsi alla sua storia! Bellissimo libro dove profumi, sapori e vita popolana di una Palermo ottocentesca si avvertono tutti!

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Fede
  • 06/05/2018

Capolavoro della letteratura italiana

Interpretazione magnifica, un romanzo che rapisce per ambientazioni e per i caratteri dei personaggi, in uno stile elegantissimo.

2 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • cecilia galiena
  • 08/11/2019

Captivating, brilliant

I only enjoyed this novel via Audible, while I was drawing, so I don’t know how it would have worked out for me had I read the book instead. After a while I had to put my pencils down as I felt more and more immersed in the narration. The writing style - quite colorful and dramatic - seems appropriate to the epoch and the events it portrays. Main character’s choice: a woman who, despite her inability to speak and hear, is able to advance intellectually over most of her kins and force them to pause while relating to her, is brilliant. More so today when queer thinking focuses on ableism as another form of racism, informed by a basically a binary view of humankind. Also interesting is the vintage point the author gives the protagonist - and its readers - while she navigates the patriarchal Sicilian society (whether being shunned by the farm workers or being chastised by her son for her independence). Marianna, the deaf and mute protagonist, stands out because she forces a break in the spoken world surrounding her: she either forces people to write to her in order to communicate with her, or to use their body language, whereby forcing us to pause and reflect upon the behaviors and thinking of the characters, right as the novel evolves under our very own eyes (or ears). Of course, Marianna’s intellectual victory is possible because of her social position of privilege, people have to listen to her, she is a Duchess. None the less, she is above all of her aristocratic female colleagues, who rot away their brains and bodies, caged in the patriarchal expectations they are not able to fight against.