Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Dhyana, la meditazione, è una scienza e, come tutte le discipline scientifiche, ha una sua epistemologia. Negli Yogasutra si spiega che è il settimo stadio degli otto previsti da Patanjali per conseguire il samadhi, la realizzazione della realtà. Questi stadi sono tutti interagenti e collegati tra loro. Yama, Niyama, Asana, Pranayama, Pratyahara, Dharana, Dhyana, Samadhi Yama (astensioni) e Niyama (prescrizioni) costituiscono un impianto etico-morale di base che rende possibile il raggiungimento della meta del percorso indicato dallo Yoga.

Le Asana sono le posture che predispongono al meglio il corpo fisico. Il Pranayama è quella scienza della respirazione che ci consente di avere a disposizione le energie vitali (prana) che ci sono necessarie per compiere al meglio il lavoro evolutivo che ci siamo prefissati. Il prana diviene sempre più disponibile quanto più seguiamo Yama e Niyama, dunque quanto più viviamo con rispetto e sensibilità verso tutti gli esseri e con devozione verso l'Essere di tutti gli esseri, come lo definisce Patanjali, ovvero il Signore supremo, Dio.

©2017 Centro Studi Bhaktivedanta (P)2017 Centro Studi Bhaktivedanta

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    11
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Lettura

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    10
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    10
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Valeria B.
  • 08/06/2019

lo yoga è altro

Non conoscevo Marco Ferrini e mi sono approcciata a questo audio con grande entusiasmo. Ho trovato però un infinito sfoggio di cultura autocelebrativo che non ho gradito. Ci racconta Macbeth dall'inizio alla fine, quando sarebbe bastato un accenno per farne un esempio, ci recita pezzi di Divina Commedia anche qui totalmente oltre il contesto, ci racconta dell'antica Roma...tutto partendo da un collegamento sensato per poi perdersi per decine di minuti in digressioni, quasi non sapesse come impiegare il tempo a disposizione.
Anche i concetti sono molto filtrati, non è affatto vero che gli Yoga Sutra indicano come oggetto della meditazione solo Dio.
Il tutto condito da un atteggiamento sulla linea del costante giudizio.
Capisco perché, nonostante i 40 anni di attività che cita e ricita nessun maestro di Yoga ne parla mai.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione