Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Uno dei primi gialli del famoso giallista S. S. Van Dine che introduce il suo amato Philo Vance, solutore di enigmi polizieschi.

Lo "scioglitore di enigmi", le cui gesta sono raccontate da un amico, e che aiuta la polizia a risolvere casi altrimenti insolubili ricalca evidentemente l'esempio di Holmes e Watson, ma la tecnica di indagine è totalmente diversa, basandosi su criteri psicologici ed estetici.

Unico punto di contatto fra i due: ll'intelligenza superiore e il gentile disprezzo dei metodi della polizia ufficiale. Ambientato nella New York del 1927, la cornice è gradibile quanto il giallo stesso.

©1927 dominio pubblico (P)2020 Silvia Cecchini

Cosa pensano gli ascoltatori di La Canarina assassinata

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    13
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    6
  • 1 stella
    2
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    11
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    3
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 23/11/2020

Bel giallo

Bel racconto, l'autore descrive tutto e non lascia nulla al caso. Ritorna spesso sui punti salienti e li descrive impeccabilmente.

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 08/10/2020

così così

la trama è carina ma la lettura andrebbe migliorata. sorvolando sulla dizione, ogni tanto si sente la narratrice che bussa sul microfono e rilegge la frase. forse erano parti da tagliare che son rimaste nel racconto.

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Giorgi Ennio
  • 23/07/2020

un gran classico ma voce narrante errata

un classico ed anche ben narrato. Unica pecca è utilizzare una voce femminile per impersonare il narratore maschile del romanzo. Crea una distonia fastidiosa nell'immaginare l'azione.