In America

Cronache da un mondo in rivolta
Letto da: Edoardo Siravo
Durata: 13 ore e 53 min
4 out of 5 stars (14 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Nel 1966, un giovanissimo Tiziano Terzani ha già messo le prime basi della sua eccezionale avventura di giornalista e viaggiatore: un lavoro per l'Olivetti che gli permette di girare il mondo e gli dà la possibilità di scrivere i primi articoli per l'Astrolabio, settimanale della sinistra indipendente diretto da Ferruccio Parri.

Inquieto per temperamento, Terzani vuole però realizzare il suo sogno di ragazzo e fare il reporter a tempo pieno. Così, l'anno successivo, coglie al volo l'occasione di una borsa di studio per un master alla Columbia University, si dimette dall'Olivetti e s'imbarca a Genova con la moglie Angela, per scoprire gli Stati Uniti e poterli finalmente raccontare. 

Come scoprirà l'ascoltatore nella densa prefazione di Angela Terzani Staude, saranno due anni molto intensi, vissuti prima a New York, poi in California, dove Tiziano comincia a studiare il cinese alla Stanford University, e per il resto del tempo in un fondamentale viaggio attraverso "la pancia dell'America" - come Tiziano chiamava gli stati interni del Midwest e del Deep South.

Ma sarà anche un periodo in cui, in un continuo alternarsi di entusiasmi e delusioni, si riveleranno in tutta la loro forza i conflitti generazionali e politici del '68 destinati di lì a poco a travolgere l'intero Occidente. Come racconterà in seguito ne "La fine è il mio inizio": "Quando partii per l'America Parri mi disse 'Ti prego, scrivi, ne sarò felicissimo'. E io per due anni ogni settimana ho scritto sull'America, sulle elezioni, sui negri, sulla protesta contro la guerra in Vietnam, la marcia su Washington e gli assassinii di Robert Kennedy e Martin Luther King".

Proprio questi sorprendenti reportage inediti, vengono qui raccolti da Àlen Loreti. Sono cronache da un mondo in rivolta, in cui Terzani dà prova per la prima volta del suo straordinario istinto da grande reporter, che gli permette di individuare e di raccontare gli eventi più importanti ed emozionanti della Storia.

©2018 Longanesi (P)2019 Adriano Salani Editore

Cosa pensando gli ascoltatori di In America

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    8
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Francesco Tonoli
  • 27/06/2020

Non un capolavoro

Leggere Terzani ti porta in un altro mondo, questo Terzani ti ammorba con politica Americana

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 07/06/2020

L’America del 68 e la Guerra in Vietnam

Racconto interessante anche se un po’ noioso per i tanti dettagli che per chi non ha vissuto quell’epoca possono essere troppi. Per Chi invece quel periodo l’ha vissuto è interessante remember.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 24/01/2020

meraviglioso, tipico di Terzani

meraviglioso, tipico di Terzani trasportare chi legge sui luoghi e i fatti accaduti. Assolutamente da ascoltare.

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Stef
  • 20/01/2020

molto interessante e ancora attuale

a distanza di 50 anni, l'America e' ancora una terra di grandi contraddizioni, ed e' bello vederla con gli occhi di Terzani.