Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Un pomeriggio di tre anni fa, mentre stavo sul divano a leggere, un'idea mi ha trapassata come un raggio dall'astronave dei marziani. Vorrei raccontare così l'ispirazione di questo romanzo, ma penso fosse un'idea che avevo da tutta la vita. 

"Sappiamo già tutto di noi, fin da bambini, anche se facciamo finta di niente" dice Lea, la protagonista della storia. Ho immaginato una donna che capisce di non doversi più vergognare del suo lato buio, l'ansia. Lea odia l'ansia perché sua madre ne era devastata, ma crescendo si rende conto di non poter sfuggire allo stesso destino: è preda di pensieri ossessivi su tutto quello che non va nella sua vita, che, a dire il vero, funzionerebbe abbastanza. Ha tre figli, un lavoro stimolante e Shlomo, il marito israeliano di cui è innamorata. Ma la loro relazione è conflittuale, infelice. "Shlomo sostiene che innamorarci sia stata una disgrazia. Credo di soffrire più di lui per quest'amore disgraziato, ma Shlomo non parla delle sue sofferenze. Shlomo non parla di sentimenti, sesso, salute. La sua freddezza mi fa male in un punto preciso del corpo."

Perché certe persone si innamorano proprio di chi le fa soffrire? E fino a che punto il corpo può sopportare l'infelicità in amore? Nella vita di Lea improvvisamente irrompono una malattia e nuovi incontri, che lei accoglie con curiosità, quasi con allegria: nessuno è più di buon umore di un ansioso, di un depresso o di uno scrittore, quando gli succede qualcosa di grosso. Daria Bignardi

©2018 Mondadori (P)2020 Mondadori

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di Storia della mia ansia

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    212
  • 4 stelle
    83
  • 3 stelle
    32
  • 2 stelle
    9
  • 1 stella
    4
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    231
  • 4 stelle
    57
  • 3 stelle
    18
  • 2 stelle
    4
  • 1 stella
    2
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    197
  • 4 stelle
    71
  • 3 stelle
    31
  • 2 stelle
    9
  • 1 stella
    3

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Kri Blu
  • 22/11/2020

soave

carino, soave la voce narrante che rende più speciale l 'intreccio. non servono altre parole.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • maria maggialetti
  • 22/11/2020

la nostra ansia

narrato benissimo perché Daria è unica e sa' quello che dice. il momento più intimo è aver fame della vita e godersela.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Justiniana Oliva
  • 07/11/2020

Lieve ed elegante

Non è il libro della vita ma è uno di quel libri che ti insegnano qualcosa senza la pretesa di farlo, lieve e delicato.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 22/10/2020

voce convincente,coinvolgente,confidenziale

Fantastico,narratore eccellente,simile ad Anna Bonaiuto quando legge "Elena Ferrante".Il tutto è veramente eccezionale.Complimenti all'autrice del libro.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • tavax43
  • 18/10/2020

Storia della mia ansia

Un romanzo bellissimo, catartico e liberatorio. L’autrice arricchisce la scrittura con la sua voce che riesce a trasmettere tutte le emozioni. L’amore per la natura, per i figli e per il proprio lavoro, per il proprio compagno, la grande forza di carattere mi hanno fatto amare Lea/Daria e posso solo dirle grazie per avercela fatta! Ne consiglio l’ascolto.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • NADIA
  • 13/10/2020

Una bel racconto

tratta argomenti importanti in modo spesso ironico e divertente offrendo tanti spunti di riflessione. Nel complesso molto piacevole

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 03/10/2020

Storia della mia ansia

Leggendo il titolo e anche la trama pensavo che il tema centrale fosse un altro. Sono rimasta affascinata dal modo in cui si descrive una malattia importante come il cancro in maniera non pesante. Secondo audiolibro letto da Daria Bignardi e io vorrei che decidesse di registrarli tutti perché mi piace il fatto che sia lei stessa a leggere i suoi libri.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Angelo Carlacci
  • 29/09/2020

Realista

Mi è piaciuto molto il modo di descrivere le emozioni che prova nel affrontare la sua brutta esperienza con la malattia. Bella anche l'interpretazione nella lettura

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Loulou
  • 12/09/2020

Non il migliore della Bignardi

Il titolo trae in inganno perché non parla di ansia in quanto tale ma di uno stile di vita comune alla maggioranza delle persone. Parla di violenza psicologica forse e di masochismo, di malattia fisica e di chemioterapia. La scrittura è fluida, diretta come sempre ma la storia non convince del tutto. È soggettivo certo, ma non ho provato la benché minima empatia per la protagonista, nonostante le sue sofferenze, perché l’ho trovata poco credibile ed incomprensibile la sua scelta di stare con un uomo detestabile ed incompiuto come Shlomo (già il nome dice tutto). Di accettare e giustificare la violenza emotiva di lui, giustificare la sofferenza in nome di cosa esattamente? Perché lo ama? Non credo che tale tipo di sentimento possa essere definito amore. Deludenti l’ultimo capitolo e l’epilogo dove tutto viene improvvisamente accelerato quasi a volerla finire di corsa ‘sta storia. E tutto rimane troppo in superficie. Insomma è più dettagliata la descrizione della chemio che la caratterizzazione dei personaggi.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Nicola
  • 10/09/2020

Semplice e profondo

Un tratto di vita raccontato con sincerità e profondità. Mi ci sono ritrovato per tanti aspetti ed è stato molto consolatorio. Mi ha fatto sentire meno solo. Ogni tanto lo riascolto durante le attività quotidiane. Con gli auricolari mi pare di sentire una cara amica che ti parla, ti racconta di se e ti fa compagnia. Mi piace molto che sia raccontato dall’autrice.