Robustezza e fragilità

Che fare? Il Cigno nero tre anni dopo
Letto da: Nicola Bonimelli
Durata: 3 ore e 39 min
4,4 out of 5 stars (91 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Tre anni dopo la pubblicazione del "Cigno nero", un racconto filosofico acclamato in tutto il mondo, Nassim Nicholas Taleb fa il bilancio della vita del suo libro. L'idea talebiana del "Cigno nero" ha conquistato milioni di lettori e fecondato la ricerca in campi molto diversi, dalla filosofia alla statistica, dalla sociologia alla psicologia, agli studi sul clima, alla medicina.

Meno feconda questa idea si è rivelata invece in economia, l'area più immediatamente vicina agli interessi dell'autore. Sulla crisi del 2008, e sugli economisti che dovrebbero analizzarla e curarla, Taleb si sofferma in questo nuovo libro, con annotazioni che hanno il sapore dell'ironia e dello scetticismo. E, ancora una volta, ribalta i sedicenti "esperti di rischi" che in questi tre anni hanno risposto all'autore con ostilità, dimostrando la loro inguaribile cecità ai "Cigni neri".

"Robustezza e fragilità" riassume tre anni di vita di un'idea forte, in grado di modificare i nostri paradigmi mentali; tre anni che hanno anche trasformato, in meglio, la vita dell'autore. Taleb ha incontrato filosofi, scrittori, scienziati, uomini di stato, lettori comuni e persino buoni economisti, si è confrontato con loro, ne ha ascoltato conferme e obiezioni, ha visto crescere e svilupparsi la sua idea nel mondo. Da questi incontri è nato "Robustezza e fragilità", il suo nuovo racconto filosofico dove, fornendoci una carta topografica dell'Estremistan, Taleb ci insegna come muoverci in un mondo dominato dal caso e dall'incertezza.

©2013 Il Saggiatore S.r.l. Tradotto da Libero Sosio (P)2019 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di Robustezza e fragilità

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    59
  • 4 stelle
    18
  • 3 stelle
    10
  • 2 stelle
    3
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    59
  • 4 stelle
    19
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    53
  • 4 stelle
    16
  • 3 stelle
    12
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Dimitrim
  • 21/04/2019

Ridondante

Spunti di riflessione interessanti ma alla fine un poco ripetitivo. Polemico con la società moderna.

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 13/04/2020

PREZIOSO

Una logica conseguenza del libro precedente dove l'autore chiarisce e ribadisce alcuni aspetti e temi che sono stati fraintesi dai lettori o che si sono evoluti a seguito del cigno nero.

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Francesco V.
  • 06/05/2019

completamento del Cigno nero

Si tratta del degno completamento del Cigno nero, uno dei trattati di filosofia (matematica, economica, scienze sociali,....) più interessanti ed illuminanti che abbia mai letto. L'autore è genio ed un grande divulgatore.

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Pietro
  • 23/04/2019

Boria scientifica

Il concetto "cigno nero" è davvero molto interessante, perché mette in discussione i modelli con i quali molti statistici pretendono di prevedere tutto, dalle crisi economiche ai comportamenti umani di massa. Ma per assimilare questo concetto ci si potrebbe fermare tranquillamente a un terzo del precedente libro di Taleb. Per il resto, sia in questo saggio che nel precedente volume, Taleb spende centinaia di pagine per denigrare il lavoro del 90% degli altri scienziati e ricercatori, magnificando le sue geniali intuizioni, il suo stile di vita fuori dal comune, blandendo il "lettore medio" (quale io stesso sono) tanto da fare un best seller del suo precedente volume. Taleb non fa divulgazione (arriva perfino a reputare gli scienziati che partecipano ai Ted talk dei pagliacci) ma denigrazione scientifica. Un pessimo comunicatore, tronfio e supponente come pochi io abbia mai letto, che fomenta quello scetticismo sterile nella gente che lui stesso dice di stigmatizzare.