Ascolta ora gratuitamente con il tuo abbonamento Audible

9,99 € /mese

Dopo 30 giorni, 9,99 €/mese. Cancella quando vuoi.
Ascolta senza limiti migliaia di audiolibri, podcast e serie originali
Disponibile su ogni dispositivo, anche senza connessione
9,99 € al mese, cancelli quando vuoi
Acquista ora a 4,95 €

Acquista ora a 4,95 €

Paga usando carta che finisce per
Confermando il tuo acquisto, accetti le Condizioni d'Uso di Audible e l'Informativa sulla Privacy di Amazon. Tasse dove applicabili.

Sintesi dell'editore

Per non dimenticare e per non far dimenticare, Edith Bruck, a sessant'anni dal suo primo libro, sorvola sulle ali della memoria eterna i propri passi, scalza e felice con poco come durante l'infanzia, con zoccoli di legno per le quattro stagioni, sul suolo della Polonia di Auschwitz e nella Germania seminata di campi di concentramento.

Miracolosamente sopravvissuta con il sostegno della sorella più grande Judit, ricomincia l'odissea. Il tentativo di vivere, ma dove, come, con chi? Dietro di sé vite bruciate, comprese quelle dei genitori, davanti a sé macerie reali ed emotive. Il mondo le appare estraneo, l'accoglienza e l'ascolto pari a zero, e decide di fuggire verso un altrove. Che fare con la propria salvezza?

Bruck racconta la sensazione di estraneità rispetto ai suoi stessi familiari che non hanno fatto l'esperienza del lager, il tentativo di insediarsi in Israele e lì di inventarsi una vita tutta nuova, le fughe, le tournée in giro per l'Europa al seguito di un corpo di ballo composto di esuli, l'approdo in Italia e la direzione di un centro estetico frequentato dalla "Roma bene" degli anni Cinquanta, infine l'incontro fondamentale con il compagno di una vita, il poeta e regista Nelo Risi, un sodalizio artistico e sentimentale che durerà oltre sessant'anni. Fino a giungere all'oggi, a una serie di riflessioni preziosissime sui pericoli dell'attuale ondata xenofoba, e a una spiazzante lettera finale a Dio, in cui Bruck mostra senza reticenze i suoi dubbi, le sue speranze e il suo desiderio ancora intatto di tramandare alle generazioni future un capitolo di storia del Novecento da raccontare ancora e ancora.

©2021 The Italian Literary Agency S.r.l. (P)2021 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di Il pane perduto

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    793
  • 4 stelle
    263
  • 3 stelle
    93
  • 2 stelle
    21
  • 1 stella
    8
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    717
  • 4 stelle
    219
  • 3 stelle
    89
  • 2 stelle
    43
  • 1 stella
    31
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    790
  • 4 stelle
    228
  • 3 stelle
    63
  • 2 stelle
    12
  • 1 stella
    6

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Gogo
  • 07/05/2021

libro importante ma...

...ma letto in maniera stranissima: frasi spezzate, ritmo anomalo. Peccato, è un testo che merita molto di più.

11 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Martina Zecchi
  • 06/05/2021

Stupendo!

Tra i candidati al premio strega 2021, fin ora il più bello che ho ascoltato/letto! Profondo, commuovente e schietto! Grazie Edith, mi hai arricchita moltissimo!

8 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marcella Schina
  • 04/07/2021

Libro intenso

Un libro intenso, scritto magistralmente, con uso egregio delle parole che spesso ritornano nella narrazione con un contenuto che si espande oltre il significato letterale.

5 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Vilia Speranza
  • 05/05/2021

intenso

Un libro adatto a tutti e che tutti dovrebbero leggere, perché oltre alla preziosa testimonianza sull'olocausto offre spunto a varie riflessioni sui tempi attuali e sullo stesso senso della vita e dell'umanità. Bellissima la lettera a Dio

5 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Loulou
  • 27/07/2021

Pollice verso

L’inizio è promettente… ma solo l’inizio. Più che un romanzo l’ho percepito come una sorta di diario per auto-terapia. Nessun lirismo, nessuna coralità e nemmeno uno stile preciso: il libro passa da un argomento all’altro senza alcun fluire.
Quasi un elenco di cose da dire, in fretta e senza empatia. Tutto raccontato con superficialità e poca emozione. I personaggi non prendono mai corpo… Noioso ed irritante a momenti (e la lettrice non ha aiutato).
Le prese di posizione ostili e rancorose assunte sui “salvatori”… mah…una guerra è una guerra… Definire i russi stupratori e gli americani salvatori mi sembra fuori luogo. I racconti dei nonni, giù al sud, delle orde violente, delle razzie, inflitte dai soldati americani a noi italiani, mi sono rimaste bene a mente, a distanza di mezzo secolo. La parte finale è a tirar via… davvero brutta, ad un certo punto non ero nemmeno più certa di star leggendo lo stesso libro. Sconsigliato. Sull’argomento esistono decine e decine di libri migliori.

4 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Mina
  • 25/06/2021

La memoria che deve diventare nostra

Toccante, semplice e profondo, così comd l'identità sensibilità, e differenza di Edith Bruck. E insegna molto, moltissimo proprio mentre Edith ricorda, si mette a confronto con chi fa scelte diverse, interroga Dio. Commuove e fa riflettere. Un libro da vivere

4 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • maurizio
  • 10/07/2021

Opera d'arte

Bellissima lettura,molto interessante. Apre dei grandi spunti di riflessione .Una sola caduta con un troppo allineato giudizio su atteggiamenti di attuale posizione politica che mal si coniugano con una
analisi di spessore equilibrata tenuta durante tutta la narrazione .

3 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • palandri maria nella
  • 28/06/2021

libro bellissimo che andrebbe letto nelle scuole!

libro stupendo che si ascolta tutto d un fiato..l importanza della storia..vissuta da protagonista.
uno dei migliori che ho ascoltato nell ultimo periodo.

3 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Bibi
  • 11/06/2021

Un libro da far leggere nelle scuole

Il libro di Edith Bruck merita di essere letto dai più giovani, e sono contenta che sia stata premiata con lo Strega Giovani.
L'orrore dell'Olocausto raccontato da una adolescente di allora. Prosa scarna, passaggi commoventi, tanta rabbia.
Nella versione audible purtroppo è penalizzata dalla lettura che incespica sulla punteggiatura più e più volte.

3 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • paolo
  • 10/06/2021

Storia penalizzata dalla lettura altalenante.

Storia interessante e commovente.
Particolare e alquanto discutibile la narrazione. Ho veramente fatto fatica ad arrivare alla fine.

2 persone l'hanno trovata utile