Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Una giovane istitutrice viene assunta per prendersi cura di due orfani in una antica dimora della campagna inglese: Flora, una bambina di 8 anni, e Miles, un ragazzino poco più grande. I bambini sono adorabili ma l'istitutrice ha il cosiddetto "sesto senso" cioè vede aggirarsi attorno alla dimora di campagna i fantasmi di due persone defunte che hanno lavorato l'anno prima per quella stessa famiglia. La descrizione delle due persone fatta alla signora Grose che da anni lavora per la famiglia, è precisa per cui dobbiamo pensare che la giovane non si inventi nulla e che in effetti veda i due morti. L'istitutrice dice anche che hanno cattive intenzioni, lo "sente"; e sente che il loro interesse è per i bambini e che lei stessa ha l'obbligo di proteggerli. 

"Il giro di vite" è forse il più celebre tra i romanzi brevi di Henry James, ai classici motivi del racconto nero, in parte gotico, James unisce una sottile ed elegante indagine psicologica, consegnando uno dei più suggestivi racconti del mistero, un intricato e seducente gioco psicologico. Ogni singolo dettaglio, ogni sfumatura del cielo sopra la tenuta di Bly, ogni sussurro o scricchiolio di porta ci cattura nella rete che James ha appositamente creato per noi per poi, alla fine, lasciarci con quella sensazione di chi si desta bruscamente dal sonno...

Era un sogno o frammenti di una realtà troppo raccapricciante per essere accettata? Resta fino alla fine un dubbio: qual è il vero tema del racconto? Sono i fantasmi? Sono immagini mentali della narratrice? Come dice Borges, è inutile chiederselo: James voleva proprio creare questo "gioco" e lasciare un dubbio che non ci abbandona neppure al termine dell'ascolto. La lettura equilibrata, quasi sussurata e molto "british" di Alberto Rossatti fa rivivere le atmosfere ghost che appassionarono lettori e critici tra '800 e '900. Il romanzo è stato talmente popolare fin dalla sua pubblicazione (1898) che fino ad oggi ne sono stati ricavati molti adattamenti cinematografici (celebre il film "The Others" di Alejandro Amenabar con Nicole Kidman), televisivi, musicali e perfino fumetti (Crepax).

©2018 il Narratore s.r.l. (P)2018 il Narratore s.r.l.

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    17
  • 4 stelle
    13
  • 3 stelle
    12
  • 2 stelle
    4
  • 1 stella
    2

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    26
  • 4 stelle
    12
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Storia

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    16
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    9
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    5
Ordina per:
  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 14/09/2018

il libro è bello e coinvolgente, la storia ha una

suspence che si sa rinnovare ad ogni fine capitolo per cui si fa leggere piacevolmente. Il contenuto surreale e l'ambientazione datata sarà gradita ai lettori amanti del genere.

4 su 4 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Annamaria Mombelli
  • 31/08/2018

Non so che titolo dare

angosciante, non so dare un giudizio vediamo chi lo ascolterà dopo di me , comunque la voce del narratore è fin troppo coinvolgente

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Luciano
  • 29/08/2018

ottimo nel suo genere!

spaventoso nel suo genere, capace di infondere ansia, grazie anche all'ottima lettura. capacità ottima di farti vedere , quasi le scene , i volti descritti....e fino all' ultimo farti sperare nel lieto fine.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • oh.luca
  • 16/09/2019

Romanzo Uggioso

vero che con la voce di Alberto Rossatti si ascolta volentieri anche la lettura del elenco telefonico, ma il libro in questione è uno dei più pallosi di tutta la storia della letteratura mondiale .

  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Piccolo Scrivano
  • 06/10/2018

Vite arrugginita

Il tempo è sceso implacabile su questo racconto che mostra un'enorme distanza tra il mondo attuale è quello in cui è stato scritto. La rarefazione estrema che James effettua della struttura narrativa a favore conflitto psicologico non giova all'ascoltatore di oggi, nonostante gli sforzi del l'interpretazione del lettore. È un classico da conoscere , ma bisogna avere la pazienza di un lettore del secolo scorso per apprezzarlo.

0 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Bianca
  • 11/10/2018

Perplessità

Ho sofferto molto di enorme impazienza già dopo il primo terzo di libro. Non capivo di cosa dovevo aver paura, non capivo cosa ci fosse di così "terrificante", "orribile" ...A parte l'aver semplicemente visto delle "cose" su quali basi quella donna costruisce tutte le sue congetture? Ad un certo punto ho sospettato che fosse pazza, che avesse qualche disturbo che la facesse agire come una paranoica ossessiva.
Mi è sembrato di vedere un Family Drama "horror wannabe", leggermente paranormal, abbastanza tranquillo, pompatissimo dalla colonna sonora ma che alla fine non raggiunge lo scopo di spaventare chicchessia.
La fine, poi, è stata messa lì per far chiudere il cerchio, o dare l'ultimo "giro di vite", ma anticlimax all'ennesima potenza.
Sono rimasta molto molto delusa dal contenuto. Una voce, una interpretazione e una prosa simile di meritavano una trama con più mordente.

0 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione