Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Si tratta di due conferenze tenute a Dornach il 15 e il 16 settembre 1815, in cui Steiner espone una profonda critica alla psicanalisi per la sua interpretazione su base sessuale della vita e comportamento umani. Come per tutte le conferenze pubblicate, i testi non sono stati rivisti dall'autore.

©dominio pubblico (P)2019 Silvia Cecchini

Cosa pensano gli ascoltatori di Dall'erotismo all'amore

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    9
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Adriana
  • 23/02/2021

Dall’erotismo all’amore Rudolf Steiner

Queste conferenze sono molto interessanti, però il riferimento della data e del luogo sono sbagliati. Potete per favore Indicarmi l’esatta provenienza dall’opera omnia di queste due conferenze grazie mille.calale@tiscali.it

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • YD
  • 17/10/2020

Anche un genio può sbagliare

Rudolf Steiner è un genio, un grande del ‘900, ma in queste due conferenze del 1911 dimostra di avere totalmente frainteso la teoria e la pratica della psicoanalisi. Le scontate e superficiali critiche alla teoria della sessualità infantile e dell’Edipo non sono certo il miglior Steiner. Poi come sempre anche in questo testo si trova qualche grande intuizione . L’antroposofia è un cammino di libertà quindi penso di non offendere né il Maestro né i seguaci per non aderire a questa ingenua e bacchettona critica di un altro gigante del ‘900, Sigmund Freud. yd