Apologia e condanna di Socrate

Di: Platone
Letto da: Gaetano Marino
Durata: 45 min
4.5 out of 5 stars (51 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Scritta nel 399 a.C. da Platone in seguito alla morte del suo maestro, "l'Apologia di Socrate" è uno dei testi giovanili di Platone. A più di duemila anni da quei tragici fatti, le parole di Platone restano le più attendibili del processo per la condanna a morte del fondatore della filosofia greca antica, parole che ancora oggi possono insegnarci moltissimo e offrirci numerosi spunti di riflessione e analisi.

©2018 LA CASE Books (P)2018 LA CASE Books

Altri titoli dello stesso

Cosa pensando gli ascoltatori di Apologia e condanna di Socrate

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    38
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    31
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    3
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    35
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 01/08/2018

che meraviglia

bisognerebbe che tutti leggessero questo libro. se avessi avuto il cartaceo lo avrei sottolineato. ascoltarlo è stato magnifico.

2 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Silvio
  • 08/07/2018

bene ma

pessima lettura che svilisce e male interpreta la drammaticità e il contenuto del libro, deluso.

2 people found this helpful

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Misolmaria
  • 29/12/2019

Sempre attuale

Peccato che l' ascolto sia stato disturbato da salti di lettere e parole! Sapere di non sapere è fondamentale!