Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Che cosa è accaduto ad Amalia? Chi c'era con lei la notte in cui è morta? È stata davvero la donna ambigua e incontentabile che sua figlia si è sempre immaginata? 

L'indagine di Delia si snoda in una Napoli plumbea che non dà tregua, trasformando una vicenda di quotidiani strazi familiari in un thriller domestico che mozza il respiro.

©1992 / 1999 / 2003 / 2013 Edizioni E/O (P)2018 Emons Italia S.r.l. / Edizioni E/O S.r.l

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    137
  • 4 stelle
    140
  • 3 stelle
    137
  • 2 stelle
    56
  • 1 stella
    30

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    308
  • 4 stelle
    90
  • 3 stelle
    37
  • 2 stelle
    18
  • 1 stella
    8

Storia

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    110
  • 4 stelle
    113
  • 3 stelle
    140
  • 2 stelle
    59
  • 1 stella
    37
Ordina per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Silvia Cavallini
  • 12/06/2018

Microcapolavoro conciso e ricco

Riletta tre volte, ascoltata, vista al cinema, questa storia continua ad essere suggestiva e a scavare tra le pieghe dell'anima e dei ricordi che non smettono di pulsare nel presente

12 su 12 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Laura M.
  • 20/06/2018

Storia discreta

L’interpretazione sempre magistrale..Anna Bonaiuto è sempre bravissima!!..il contenuto del non mi ha entusiasmato..sicuramente introspettivo,ma non si capisce dove voglia andare a parare...sembra incompleto.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Concetta Vasta
  • 13/06/2018

Angosciante.

La Ferrante è la Ferrante, e scrive come scrive magnificamente, ma la storia è asfittica, triste, desolante. Il personaggio di Amalia, tuttavia, resta nel cuore.

11 su 13 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Paxi
  • 11/06/2018

Anna Bonaiuto è una garanzia

All' inizio ho fatto fatica a seguire la vicenda, poi però quando il mistero viene svelato sono riuscita a mettere a fuoco la storia e ho molto apprezzato l'ultima ora.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 14/04/2019

noiosissimo

ho ascoltato fino alla fine questo racco to nella speranza di un riscatto. speranza vana. é uno sterile esercizio lessicale dove migliaia di aggettivi non aggiungono nulla ad una idea di racconto che si sarebbe potuto raccontare con la metá delle pagine ed un terzo degli aggettivi

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • simone pacelli
  • 09/08/2019

Che fatica!

Lento nella narrazione, lento nel susseguirsi dei dialoghi e dei fatti, lento nelle lunghe introspezioni psicologiche, neanche tanto profonde. Una noia mortale.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Ale
  • 08/07/2019

CHE NOIA!!!!

Sicuramente io no so capire ma pochi libri ho ascoltato cosi noiosi!!!!! 5 ore che potevano essere 3 perché la metà è fatta di parole che non aggiungono nulla alla storia. Come ad alcune persone piace il rumore della loro voce così la scrittrice si bea della ridondanza delle sue parole.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • marcella
  • 25/05/2019

zero

non mi è piaciuto il modo di raccontare dell'autrice ne quello di leggere dell'attrice, la trama non mi ha coinvolto in nessun modo

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Lidia
  • 28/04/2019

Non mi è piaciuto

in generale non mi è piaciuta la storia e il modo di scrivere. Ho continuato a leggerlo con poca difficoltà grazie alla bella interpretazione della lettrice. Non è un libro che consiglierei.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Mary Bracco
  • 25/04/2019

Niente a che vedere con l’amica geniale

Il romanzo mi ha deluso e mi ha stupito per la grande differenza di scrittura con l’amica geniale, che, invece, avevo apprezzato molto. Due mani diverse? Cambio di Editor? Maturazione dello scrittore/scrittrice?

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

Ordina per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Gustavo Daniel Constantino
  • 02/07/2019

Complessità psicologica

storia complessa psicologicamente, perciò a volte diventa pesante perché la differenza tra fantasia e realtà non è ben nota e si presta a confussione. Comunque molto interessante e stupendamente letta, come ci tiene abituati Anna Bonaiuto.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

Ordina per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • D. D. Pianta
  • 04/01/2019

Bellissimo!

Un altro capolavoro di Elena Ferrante, letto da Anna Bonaiuto: che gemma! La combinazione di Ferrante/Bonaiuto è incredibile! Ascoltato d'un fiato!

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Blind Girl
  • 06/07/2018

Il primo Ferrante - inconcepibile

Si dice che L'amore molesto é visionario. Lo chiamerei piuttosto allucinatorio. Per me risulta molto artificiale, astratta, sovramistificante. Le bravure stilistiche mi resero esausta per il gran vuoto dietro di esse.
Curiosamente giá il secondo Ferrante, I giorni dell'abbandono mi condusse a una tutt'altra via senza codeste stravaganze immature. Spero lo potró riascoltarlo fra poco interpretata dall'incomparabile signora Bonaiuto.