• La sirena sotto le alghe

  • Di: Diana Lama
  • Letto da: Betta Cucci
  • Durata: 11 ore e 6 min
  • 4,0 out of 5 stars (78 recensioni)

Dopo 30 giorni, 9,99 €/mese. Cancella quando vuoi.
Ascolta senza limiti migliaia di audiolibri, podcast e serie originali
Disponibile su ogni dispositivo, anche senza connessione
9,99 € al mese, cancelli quando vuoi
Acquista ora a 14,95 €

Acquista ora a 14,95 €

Paga usando carta che finisce per
Confermando il tuo acquisto, accetti le Condizioni d'Uso di Audible e l'Informativa sulla Privacy di Amazon. Tasse dove applicabili.

Sintesi dell'editore

Le sue vacanze, appena cominciate, sono già finite. È il primo pensiero del maresciallo Simone Santomauro mentre, lasciati il libro e il latte di mandorla che si stava godendo al fresco in piazza, si mette a fare le prime domande e, con fare imperativo nonostante gli shorts e la maglietta, allontana i curiosi dalla spiaggia.

Quello che è emerso da un mucchio di alghe, sollevato dalla ruspa di Peppenuzzo, è un cadavere in avanzato stato di decomposizione. Sfigurato e mutilato a tal punto che si fatica a capire se si tratta di un uomo o di una donna. Ma è una donna, conferma il medico legale, e lo scempio peggiore sul suo corpo l'ha commesso una mano umana. Con un coltello, forse da cucina.

Santomauro, che conduce le indagini, sa di avere una bella gatta da pelare: l'attenzione dei giornali, morbosa come sempre d'estate, le pressioni del procuratore, l'ansia dei villeggianti di cui Pioppica si riempie nella bella stagione. E brancola nel buio.

Finché, una mattina, si presenta in caserma l'architetto Pippo Mazzoleni, uno dei villeggianti bene della zona, di quelli con villa, giardino e Ferrari. Sua moglie, dice, non la vede da tre settimane. Era andata via dalla loro casa di Napoli, dopo un litigio, e poi anche lui era partito per il Carda, ognuno a respirare un po' dall'altro.

Pensava fosse a Pioppica, ma tornando la domenica prima non l'ha trovata. E ha deciso di darle ancora un po' di tempo. Ma ora, con quel cadavere di donna sulla spiaggia, un atroce dubbio lo ha preso.

©2008 Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (P)2021 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di La sirena sotto le alghe

Valutazione media degli utenti. Nota: solo i clienti che hanno ascoltato il titolo possono lasciare una recensione
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    34
  • 4 stelle
    22
  • 3 stelle
    15
  • 2 stelle
    3
  • 1 stella
    4
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    49
  • 4 stelle
    17
  • 3 stelle
    6
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    27
  • 4 stelle
    19
  • 3 stelle
    18
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    5

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • caty
  • 05/12/2021

Scontato

Finale abbastanza scontato. Trama tutto sommato abbastanza noiosa.
Si può trovare di meglio.
Ottima la lettrice.

2 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • donatella
  • 15/11/2021

Bellissimo

Bellissimo. Bella storia letta benissimo. Consiglio l'ascolto. Non so che altro scrivere . Grazie

2 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Laura Caruso
  • 18/09/2021

Bello

Mi è piaciuto il libro e la lettura. Mantiene alta l'attenzione fino alla fine.... Ne cercherò altri

2 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Luna
  • 31/07/2021

lettura avvolgente

bel giallo con la lettura della cucci che aiuta l'ascolto e la visualizzazione. sempre una garanzia!

2 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 31/07/2021

OTTIMA NARRAZIONE

Ottima narrazione, come sempre Betta Cucci non delude mai : valorizza, coinvolge e interpreta magistralmente!

2 persone l'hanno trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • petronilla franca campiglia
  • 11/02/2022

Avvincente

Forse l’ambientazione in posti che conosco e in una realtà, quello dell’arma, che mi appartiene… ma l’ho adorato dall’inizio..

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 09/09/2021

Ottima lettura, romanzo poliziesco così così...

Molto brava l'interprete che ho trovato adatta alla storia, sinceramente....invece un pò deludente la trama, i personaggi poco delineati, il thriller rocambolesco...aspetto di meglio

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 29/07/2021

Debbo ammettere...

... che non mi piace la lettura della Cucci, ma ritengo sia oggettivo che questo non è il genere di libro adatto a lei. I suoi tentativi di accento cilentano, poi, sono penosi. Il lettore è importante: può rendere l'ascolto molto piacevole o molto fastidioso. L'autore, se può scegliere, dovrebbe tenerlo presente.

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Federica
  • 29/08/2021

complicato

Giallo troppo complicato. Inoltre non si capisce quale dei personaggi sta parlando se non dal contesto. Di conseguenza è un continuo tornare indietro. Ho fatto fatica a finirlo.

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 26/08/2021

Ripetitivo

Noioso e ripetitivo, le dinamiche da paesino stufano presto ma l'autrice persiste a ripetere e sottolineare fino alla nausea la malignità dei paesani trascurando deduzioni e ragionamenti del poliziotto protagonista che di fatto non ha un ruolo nel risolvere il mistero.

Il finale sembra assurdo e non convince.