Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Nel cuore di Palermo, sotto il grande appartamento degli Olivares, batte il cuore di un drago fiammeggiante: è la macchina che tosta dalla mattina alla sera il caffè, spandendo per le vie del quartiere un profumo intenso fino allo stordimento. È tra le pareti della torrefazione che cresce Genziana, il più bel fiore tra i figli di Roberto Olivares, che ha chiamato come lei la qualità più pregiata di caffè.

La vita scorre nell'abbondanza e nella certezza che il futuro non riservi sorprese perché Viola - sensuale e saggia matriarca - sa prevederlo leggendo i fondi di caffè. Ma proprio quando Genziana si appresta alla fioritura della giovinezza irrompe la guerra, e con essa la fame e la distruzione destinate a cambiare per sempre le sorti della città. Improvvisamente Genziana si ritrova sola, il grande drago sbuffante è costretto a fermarsi. Palermo, intorno, è un immenso teatro di macerie, una meravigliosa creatura ferita che deve capire come rinascere dalle proprie ceneri.

"La tua fortuna saranno le femmine, la tua sicurezza il caffè" aveva detto Viola alla figlia scrutando il fondo della sua tazzina. Armata unicamente di queste parole, Genziana compie un lungo cammino, che la porta lontano senza mai allontanarsi dai Quattro Mandamenti di Palermo. Una folla di personaggi umili ma capaci di profonda umanità, l'incontro con una donna venuta dal Nord, le attenzioni del mafioso Scintiniune, l'amore per Medoro: tutto sarà per lei lievito di cambiamento. Eppure, solo ascoltando il proprio respiro Genziana troverà quello che cerca. Solo tostandosi, come un chicco verde di caffè, e poi aprendo il guscio potrà sprigionare il proprio aroma...

Il destino della città e quello di una donna, l'incapacità della prima di plasmare la propria sorte a testa alta e il coraggio della seconda nel cercare la propria via; la debolezza e l'orgoglio, il maschile e il femminile, l'arabica e la robusta: opposte polarità che percorrono il romanzo e che si saldano intorno all'appassionante racconto della moderna invenzione della miscela, l'arte di mescolare caffè di origini diverse per ottenere una bevanda armoniosa. Fedele alla sua terra, Giuseppina Torregrossa ne canta la bellezza, non si rassegna alle sue meschinità e ci regala una nuova indimenticabile protagonista: fiera, mai scontata, vicinissima al nostro sentire.

©2015 Grandi & Associati Srl (P)2019 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di La miscela segreta di casa Olivares

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    119
  • 4 stelle
    41
  • 3 stelle
    15
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    5
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    138
  • 4 stelle
    19
  • 3 stelle
    10
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    6
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    99
  • 4 stelle
    44
  • 3 stelle
    15
  • 2 stelle
    7
  • 1 stella
    7

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Loulou
  • 25/08/2019

Splendido romanzo

Ho adorato questa Palermo e ho percepito il profumo del caffè assieme alle splendide donne protagoniste di questo libro. Un gran bel romanzo esaltato dalla lettura perfetta e piena di passione della Torriani!

2 people found this helpful

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 02/01/2020

tutto questo mugolare....

Non si regge! Questo vivere la sessualità come qualcosa che domina la protagonista che palle!

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 30/08/2019

Meraviglioso

Amo la Sicilia e l ho ritrovata lì, molto ben descritta e magnificamente letta!!

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Massimo
  • 23/08/2020

Carne, colori e sensazioni

Un libro sensuale, che riempie di sensazioni precise che fanno vivere e vedere la mia Palermo, fatta di colori violenti e teneri. La città della luce e del buio e così che è nella realtà. E la nostalgia della quale non può fare a meno chi le si allontana, intensa come l'aroma del caffè del quale quasi sento il profumo. E l'amore che lega le vite e allontana...un peccato che la lettrice sbagli tutti gli accenti delle parole dialettali!

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • roberto
  • 21/07/2020

Non lo saprò mai

Non saprò mai come questo libro, non riesco ad ascoltare questa voce strascicata, smelensa. Peccato

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 07/07/2020

Inizio faticoso

Molto bella la storia, anche se all'inizio l'ho trovato poco scorrevole e un po' pesante. La narratrice brava, ma poco coinvolgente. Nel complesso il libro è comunque bello.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Angy
  • 24/03/2020

INCOMMENSURABILE

Dopo averlo ascoltato una volta e poi due ...tre volte E ancora aver voglia di riascoltare questa bravissima Alice Torriani che descrive una Sicilia bellissima ed eterna che mi ha fatto venire voglia di visitarla in ogni suo piccolo vicolo tanta è la tenerezza e l'orgoglio di questa magnifica scrittrice… Brava Giuseppina

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 23/03/2020

questo libro

bellissimo struggente una lettura morbida avvolgente che ti cattura. in questo libro e nella sua lettura c é il fascino di palermo. una scrittrice straordinaria

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • alba
  • 29/02/2020

Intenso come l'odore del caffè tostato

Come tutti i libri di Giuseppina sveli la storia e gli anfratti dei luoghi della mia esistenza e della mia città

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 05/01/2020

Feuilleton 😨e fotoromanzo 😩

Durante la recitazione del romanzo, l'attrice dotata di una perfetta pronuncia dialettale siciliana, troppo spesso legge con toni di voce fastidiosamente lagnosi. C'è da dire però che la recitazione lamentosa involontariament rende il contenuto di un libro troppo ricco di descrizioni minuziosamente prolisse e di dialoghi lamentevoli, costruiti per arrivare a indugiare troppo spesso e senza motivo, su patetiche situazioni pseudo passionali. Trama confusa e priva di contenuti di rilievo. Nell'insieme lo stile della narrazione ha richiamato alla mente la ricetta e gli ingredienti dei vecchi fotoromanzi vintage anni 50-60. Sconsigliato.