Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Quanti di noi scendendo oggi da un treno a Roma Termini ricordano i Cinquecento cui è dedicata la piazza antistante la stazione? È il febbraio del 1887 quando in Italia giunge la notizia: a Dògali, in Eritrea, cinquecento soldati italiani sono stati uccisi dalle truppe etiopi che cercano di contrastarne le mire coloniali.

Un'ondata di sdegno invade la città. In quel momento Lafanu Brown sta rientrando dalla sua passeggiata: è una pittrice americana da anni cittadina di Roma e la sua pelle è nera. Su di lei si riversa la rabbia della folla, finché un uomo la porta in salvo.

È a lui che Lafanu decide di raccontarsi: la nascita in una tribù indiana Chippewa, lo straniero dalla pelle scurissima che amò sua madre e scomparve, la donna che le permise di studiare ma la considerò un'ingrata, l'abolizionismo e la violenza, l'incontro con la sua mentore Lizzie Manson, fino alla grande scelta di salire su un piroscafo diretta verso l'Europa, in un Grand Tour alla ricerca della bellezza e dell'indipendenza.

Nella figura di Lafanu si uniscono le vite di due donne afrodiscendenti realmente esistite: la scultrice Edmonia Lewis e l'ostetrica e attivista Sarah Parker Remond, giunte in Italia dagli Stati Uniti dove fino alla guerra civile i neri non erano nemmeno considerati cittadini.

A Lafanu si affianca Leila, ragazza di oggi, che tesse fili tra il passato e il destino suo e delle cugine rimaste in Africa e studia il tòpos dello schiavo nero incatenato presente in tante opere d'arte.

Igiaba Scego scrive in queste pagine un romanzo di formazione dalle tonalità ottocentesche nel quale innesta vivide schegge di testimonianza sul presente, e ci racconta di un mondo nel quale almeno sulla carta tutti erano liberi di viaggiare: perché fare memoria della storia è sempre il primo passo verso il futuro che vogliamo costruire.

©2020 Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (P)2020 Audible Studios

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di La linea del colore

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    58
  • 4 stelle
    27
  • 3 stelle
    12
  • 2 stelle
    3
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    66
  • 4 stelle
    21
  • 3 stelle
    6
  • 2 stelle
    4
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    60
  • 4 stelle
    21
  • 3 stelle
    14
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marina
  • 10/10/2020

La linea del colore

Un testo inaspettato. Un personaggio di cui ho ignorato fino ad oggi l'esistenza.
Un ascolto molto piacevole.

3 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Vittoria Iacovella
  • 23/11/2020

Avvincente ed essenziale

Ho amato i giorni i cui questo audiolibro mi ha accompagnata. In motorino, soprattutto, nella tratta che mi separa dal lavoro, la voce di Esther Elisha era il momento della giornata che aspettavo come un rifugio. Il romanzo è ben scritto, emozionante, essenziale per il messaggio che porta avanti. Mi mancherà molto la protagonista Lafanu, mi mancherà il linguaggio garbato e ricco col quale Igiaba Scego ha scelto di portarla nelle nostre vite. Un gran bel libro, lo consiglio a tutti.

2 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 15/10/2020

Meraviglioso, un libro da leggere

Un libro davvero bello, che fa riflettere e appassiona grazie a una trama che viaggia tra paesi e epoche diverse, ripercorrendo cammini sempre attuali. Letto magistralmente, lo consiglio.

2 people found this helpful

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Barbara C.
  • 11/10/2020

Delusione

Non ho l'abitudine di lasciare un libro a meta' anche quando non mi piace, ma credo che l'autrice abbia perso un'occasione con questo libro. Il tema e la storia consentivano ben altro, invece lei si è persa infarcendolo di sentenze e stereotipi politically correct, che forse lo hanno spinto molto nelle librerie, ma, per quello che mi riguarda, non ha incontrato il mio gusto. Peccato, perché anche il ritmo narrativo era buono..

2 people found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Andrea Tocci
  • 16/12/2020

#Lalineadelcolore #igiabascego


In a continuous interplay between present and past, this novel between the end of the 19th century and modern days gives us Italians a different Italy, an Italy seen through the eyes of many Italians who are not Italians but who love Italy and who have chosen to live in Italy. Lalineadelcolore is a novel that deals with the themes of colonialism, racism, emigration and violence against women.
#lalineadelcolore also tells of a fountain one like ones present in many Italian squares but this Fountain located in Marino on the Lazio coast depicts chained Africans people, because art depicts what we are or rather what we were.

In un gioco continuo tra presente e passato questo romanzo tra fine 800 e giorni moderni restituisce a noi italiani un Italia diversa, un’Italia vista con gli occhi dei tanti che italiani non sono ma che amano l’Italia e che hanno scelto di vivere in Italia. La linea del colore è un romanzo che tratta i temi del colonialismo, del razzismo, dell'emigrazione e della violenza sulle donne. 
La linea del colore racconta anche di una fontana una come tante presente in molte piazze italiane ma questa Fontana che si trova a Marino sulla costa laziale raffigura delle donne incatenate, delle donne africane perché l’arte raffigura quello che siamo o meglio quello che eravamo.

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 02/11/2020

Schiavitù, donne, arte, e molto altro

Un tema disperato e doloroso e molto spesso ignorato come quello della schiavitù nera in America e dei movimenti abolizionisti a cui fa da parallelo una storia dei nostri giorni , ossia i viaggi dall'Africa resi impossibili da leggi disumane che vietano l'ingresso e alimentano traffici illegali di persone , ma è anche una storia di donne, il tutto trattato con una scrittura chiara, e con la leggerezza delle cose vere. Piacevolmente catturata dall'ascolto.

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Benedetta
  • 29/10/2020

afrodiscendenze femminili

romanzo scritto in modo magistrale da igiaba scego! Lo consiglio a tutti gli afrodiscendenti e soprattutto alle donne appassionate di arte e cultura. L'audio è ben interpretato dall'attrice esther elisha. complimenti!!

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Letizia Ventura
  • 14/10/2020

Un'opera possente e unica. Importante e bellissima

Lo consiglio vivamente. Cattura e coinvolge oltre stupire. Un'epopea intensa racchiusa nella figura della protagonista

1 person found this helpful

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Arianna
  • 08/02/2021

L'arte e la cultura come riscatto al male

Fantastica scoperta Igiaba Scego, grazie all'audible club di Maura Gancitano e Andrea Colamedici.
Storia affascinante, doppio intreccio tra la guerra civile americana, la schiavitù nera e quell'Italia ancora non unita del 1800, tra l'occidente dai passaporti forti e la barbarie in cui sono costretti i migranti di oggi come di ieri.
Già mi mancano le protagoniste!

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 03/02/2021

il privilegio

senza pudore e romanticismo dirò semplicemente che è un testo bellissimo che mi ha fatto tanto piangere
vi ho dovuto riconoscere i miei provilegi oltre il desiderio di cambiare davvero il mondo
lo consiglio a chi ha un passaporto forte
bella lettura