Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Pietro I di Russia (1672 - 1725) fu detto "il Grande" per gli eccezionali risultati ottenuti durante il suo regno: la Russia feudale e orientaleggiante fu profondamente modernizzata anzitutto sul piano militare e amministrativo e trasformata in una grande potenza in qualche modo aperta all'Europa.

Per conseguirli fu spietato con il suo popolo e condusse ripetute guerre, ma fondò anche Pietroburgo, che divenne la capitale civile e intellettuale aperta alle idee nuove dell'Illuminismo e all'arte europea. L'opera di modernizzazione iniziata da Pietro fu poi portata avanti, nel corso del Settecento, da due regnanti donne: le zarine Elisabetta e Caterina.

L'audiolibro tratteggia le figure e le opere di questi sovrani russi con un'attenzione particolare anche ai costumi e alle condizioni sociali ed economiche.

Questo volume è realizzato a cura di Maurizio Falghera, con riferimento alle opere degli storici Gabriele Orlandini, Voltaire, Robert Massie.
©2017 il Narratore S.r.l. (P)2017 il Narratore S.r.l.

Cosa pensano gli ascoltatori di La Russia di Zar e Zarine

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    18
  • 4 stelle
    6
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    19
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    16
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 25/11/2018

Testo interessante

Racconto molto interessante dal punto di vista storico e della narrazione. Anche la lettura è molto interessante

1 person found this helpful

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 13/06/2019

Pietro il Grande e Caterina la piccola

Il narratore è impeccabile (ad eccezione della pronuncia dei nomi russi e tedeschi). La parte dedicata a Pietro è accattivante e molto ben approfondita, mentre quella relativa a Caterina è abbastanza povera: Pugacëv, ad esempio, è appena menzionato.