Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Il 9 febbraio 1944 il "Corriere della Sera" diede la notizia dell'arresto di Indro Montanelli, accusato di avere scritto articoli diffamanti sul regime fascista, che in quel momento si trovava sul punto di raggiungere il gruppo partigiano guidato da Filippo Beltrami. Incarcerato insieme alla moglie Maggie a San Vittore, a Milano, il 14 agosto riuscì a fuggire in Svizzera.

In realtà, Montanelli aveva preso le distanze dal regime fascista sin dal 1938, quando aveva rinunciato alla tessera del partito e ne aveva pagato le conseguenze con l'impossibilità di fare il giornalista in Italia, e quella che inizialmente era una divergenza politica e personale si era sempre più approfondita, sino a trasformarsi nella decisione di combattere attivamente contro il regime e gli occupanti tedeschi.

Nel dopoguerra e fino alla sua morte Montanelli è ritornato spesso sulla figura del Duce e sulla storia del ventennio, contribuendo a disegnare nell'immaginario degli italiani l'immagine di un Mussolini perfetto "italiano medio", con tutti i vizi e le poche virtù che il giornalista attribuiva ai suoi connazionali, e che spesso "più che a dominare gli avvenimenti, badava a restarne a galla, lasciandosene portare".

Raccontando il Duce, quindi, Montanelli elabora una storia del fascismo che, oltre a essere fedelmente documentata grazie alla sua partecipazione diretta e alla professione di giornalista, dà conto anche di altri elementi che sfuggono all'osservazione storica: il rapporto tra Mussolini e gli italiani, soprattutto quelli della sua generazione, l'infatuazione del Paese per il suo dittatore e, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, la delusione e i dubbi mai sopiti di coloro che sopravvissero e si posero il problema di spiegare ai giovani le ragioni di quanto accaduto.

©2018 Rizzoli (P)2019 Rizzoli

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    75
  • 4 stelle
    22
  • 3 stelle
    7
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    64
  • 4 stelle
    20
  • 3 stelle
    12
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    70
  • 4 stelle
    21
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Manuela T.
  • 24/03/2019

dovrebbero ascoltarlo tutti

ovviamente scritto in italiano meraviglioso a cui purtroppo non siamo più abituati. il libro è una lezione di storia e di umanità che dovremmo ascoltare tutti.

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 18/09/2019

Montanelli lo ami o lo odi, ma un maestro resta

Dopo svariati decenni, ancora provare sincera meraviglia e ammirazione per la penna - ricca, colta, elegante, ma mai verbosa, sempre vivida, lineare, giornalistica nel senso più alto del termine - di questo signore, specie quando la metteva a servizio dello storico.
Uno che poteva stare antipatico, con cui si poteva non essere d'accordo, ma mai banale e sulla cui onestà intellettuale non si poteva discutere, sulle qualità culturali ed intellettuali e professionali men che meno, e a cui riconoscere sempre le doti dell'autonomia di pensiero e della vis polemica.
Bel libro (in realtà collage di tanti scritti, rieditati in forma di corpus unico da Rizzoli nel 2018).
Non tutti i punti di vista sono condivisibili, nell'analisi storica, peraltro documentatissima (lo dice lui stesso, troppo coinvolto personalmente per avere la totale obiettività dello storico, ma per quello ci guadagna in vividezza).
Però una gran bella lettura (in questo caso ascolto), chiara nei temi e godibile nello svolgersi. E non priva - pur parlando di cose di molti decenni fa - di spunti di riflessione interessanti anche oggi (il capitolo 19, tipo, lo farei leggere ad un sacco di gente...).
Indro Montanelli lo si può non amare, per le più svariate ragioni. Ma va sempre preso con quel carico di rispetto, financo devozione, che si deve ad un maestro...

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Alain
  • 16/03/2019

Il fascismo da un'altra angolatura

Ascoltato anche a pezzi, si ritrova subito il filo narrativo e cronologico.
interessante la parte finale con la corrispondenza col Montanelli.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • ajcrowley
  • 18/09/2019

un documento eccezionale

più che sul fascismo sul periodo storico vissuto da Montanelli e raccontato come se fossimo seduti con lui a chiacchierare... l'interpretazione è un po' piatta ma il libro è talmente interessante che scorre velocemente.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Luca Colombo
  • 01/06/2019

Bello

Questo libro mi ha fatto conoscere aspetti e personaggi del ventennio a me ignoti.
In particolar modo la figura di Mussolini, ridimensionata.
Lo suggerisco a tutte e tutti

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Vincenzo Bifulco
  • 06/03/2019

Bella testimonianza quella di Indro Montanelli

Un libro,sulla memoria, che è un piacere ascoltare. Credo sia una testimonianza unica ed obiettiva

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Franco F.
  • 06/03/2019

Perplesso sulla scelta della voce

Sul testo non si discute (ma perché escludere l'interessante introduzione?) ma faccio veramente fatica a sentire questi testi di Montanelli, avendo in mente la sua cadenza e la sua enfasi naturale. Sono letti in maniera certamente impeccabile, forse troppo. Mi evocano documentari e pubblicità radiofoniche. Credo che abbandonerò l'ascolto e, per questo titolo, passero alla lettura.