• Hotel Meina

  • La prima strage di ebrei in Italia
  • Di: Marco Nozza
  • Letto da: Giuliano Bonetto
  • Durata: 12 ore e 23 min
  • 4,6 out of 5 stars (8 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Questo audiolibro non ha come teatro pianure percorse da vagoni blindati o campi di sterminio, bensì ridenti cittadine del Lago Maggiore: Baveno, Stresa, Meina, Arona. Luoghi in cui, nel settembre 1943, una colonia di ebrei sfollati dalle città lombarde assistette all'arrivo della "Leibstandarte Adolf Hitler", la divisione SS gloria e vanto del Führer.

Grazie a decine di testimonianze dirette, l'autore ricostruisce la cieca ostinazione con cui la colonia che gravitava attorno all'Hotel Meina reagì di fronte alla caccia ai civili indifesi e ai cadaveri che iniziavano ad affiorare dal lago, nel quale trovarono la morte cinquantaquattro persone.

©2018 Il Saggiatore S.r.l. (P)2019 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di Hotel Meina

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Laura B.
  • 04/07/2019

il verbano teatro di una strage

Sicuramente non potrò più vedere Stresa o Arona o il lago Maggiore senza pensare che negli anni in cui i miei genitori imparavano a camminare e parlare, poco distante da loro, alcune famiglie ebree venivano atrocemente uccise dalle ss
Questo orrore veniva commesso a titolo personale da alcune ss assetate di sangue senza che ciò fosse ordinato dagli alti comandi.
Sono rimasta basita quando ho scoperto che le ss autorici degli omicidi, sebbene rintracciate e processate a guerra finita, siano tornate, impunite, a godere della totale libertà.
Questo libro apre gli occhi sulla realtà passata, ma anche attuale; insegna che da sempre gli uomini di potere promettono al popolo ciò che in quel momento a loro conviene salvo poi comportarsi in modo totalmente differente e vigliacco senza risentirne minimamente sia a livello etico che di giustizia.
Il breve diario contenuto nella parte finale del libro è un piccolo gioiello. Nonostante l'autore metta le mani avanti circa lo stile e la forma della stesura adducendo come limite la giovane età della scrittrice, ebbene, io sfido una qualsiasi ragazzina di 13 anni del 2019 a scrivere in modo così coinvolgente e con un linguaggio così preciso.
È una lettura necessaria.
Ottima l'interpretazione e menzione d'onore a Bonetto per essersi lanciato nella lettura della lunga lettera in lingua francese .

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Postaluigi
  • 31/01/2020

Ottimo documentario, ottima lettura.

La forza del documento, del raccontare di fatti che parlano alla nostra coscienza.
Ottimamente letto.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 20/06/2019

Analisi interessante

Analisi storica lucida e approfondita di avvenimenti non troppo belli del nostro tempo. Anche la lettura è molto piacevole