Autobiografia del Novecento

Storia di una donna che ha attraversato la Storia
Durata: 6 ore e 47 min
4.5 out of 5 stars (13 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Quella di Vera Pegna è la storia di una vita comune e, in quanto tale, straordinaria. La storia di una donna normale, una qualsiasi cittadina del mondo; la storia di una donna speciale, vissuta attraverso il più lungo dei secoli brevi. La storia di Vera Pegna è la nostra storia.

L'infanzia ad Alessandria d'Egitto, gli insegnamenti del nonno, la disciplina del collegio, il debutto in società. Poi gli anni in Svizzera, l'università, l'interpretariato, l'incontro con il buddismo. Il lungo viaggio verso Palermo per conoscere Danilo Dolci - il Gandhi siciliano -, il Partito comunista e la lotta contro la mafia. L'arrivo a Milano, l'impegno nel Comitato Vietnam, la difesa della causa palestinese sotto il vessillo del laicismo. Il trasferimento a Roma, gli incontri con Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e Karol Wojtyla.

Vera Pegna custodisce ricordi di donne e uomini illustri e non illustri, ma sempre valorosi. Memorie di terre lontane e orizzonti esotici, ma anche di province meridionali accerchiate dalla mafia. Su tutti questi ricordi e queste memorie posa uno sguardo fiero e appassionato; e la sua prospettiva illumina le storie minime che hanno contribuito a narrare la grande Storia, nelle quali ognuno di noi può riconoscersi, con le proprie debolezze e le grandi aspirazioni, con i propri sogni, desideri e illusioni.

"Autobiografia del Novecento" è la storia di una donna che ha attraversato il secolo con un unico, invincibile principio: siamo noi, con le nostre vite minuscole, a dover muovere il primo passo per costruire un futuro migliore; e sono i molti assetati di pace e giustizia, non le ambizioni dei pochi, a scrivere nel lungo tempo la traiettoria umana. I suoi ideali e la sua missione civile sono un dono e un imperativo per noi e per le generazioni a venire.

©2018 Il Saggiatore S.r.l. (P)2020 Audible Studios

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di Autobiografia del Novecento

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    8
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    9
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • anna gatti
  • 09/05/2020

la testimonianza di una vita

In questa autobiografia emerge il ritratto di una donna molto impegnata prima come militante del partito comunista poi come aderente ad altri movimenti per la difesa dei diritti dei deboli. Ho trovato interessanti spunti di studio e di riflessione, su Danilo Dolci, sulla occupazione della Palestina, sul movimento laico ed a-religioso Sono curiosa di vedere su Raiplay il documentario girato qualche anno fa ne consiglio l ascolto

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Micaela GM
  • 30/04/2020

interessante ma troppo autocelebrativo

una vita ricca, degna di essere vissuta. Sono di idee diverse, ma ho condiviso molti punti di vista e trovo più interessante ascoltare le opinioni diverse dalle mie per poter correggere miei eventuali pregiudizi. lo consiglio.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Giulia Bitto
  • 16/04/2020

Un libro che dovrebbe essere letto nelle scuole

Considero questo libro un dono prezioso, un tesoro che regala spunti di riflessione, speranza, saggezza, conforto. Sono rimasta ammirata dalla figura della signora Pegna e posso affermare con certezza che il mondo sarebbe un luogo migliore se ci fossero più persone come lei. Quindi non posso che ringraziare la signora Pegna per aver condiviso la sua storia e il suo modo di vedere la vita nelle sue varie e complesse sfaccettature.