Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Quando la signorina Olga, una figura pallida avvolta nella pelliccia nera di astrakan, colletto e polsi di visone, cappellino di feltro verde scuro in testa con veletta, prende in affitto la mansarda di via Worktz 227, Trissera, grigia periferia di Milano, i condomini si limitano a fare qualche speculazione sul suo conto, come del resto fanno con tutti. Ma quando nove anni dopo il suo cadavere viene ritrovato con una fune intorno al collo, allora i vicini cominciano a spettegolare davvero.

Quale passato può celarsi dietro l'apparentemente inappuntabile vita di una signorina ottantenne? Le trine, i merletti, i lampadari di cristallo, le sue belle cose di un gusto così raffinato possono veramente nascondere uno spiazzante segreto gelosamente serbato per anni? Il commissario Gilardi pensa proprio di sì. D'altronde tutti sanno che le persone non sono mai come sembrano, vicini di casa compresi.

©2012 Salani (P)2018 Adriano Salani Editore


Un Camilleri in gonnella!
-- Marco Vichi


La sua scrittura è sempre elegante, colta. I suoi omicidi sono in punta di penna.
-- La Repubblica


Dalla sua fantasia irrompe la cronaca con delitti da risolvere su e giù per l'Italia, intrighi, il bel mondo, la vita di strada.
-- La Stampa


Un'autrice che non smette di sorprendere.
-- La Repubblica

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    36
  • 4 stelle
    30
  • 3 stelle
    20
  • 2 stelle
    6
  • 1 stella
    3

Interpretazione

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    51
  • 4 stelle
    22
  • 3 stelle
    12
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Storia

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    24
  • 4 stelle
    26
  • 3 stelle
    26
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    6
Ordina per:
  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Interpretazione
    4 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 08 09 2018

Giallo troppo rosa

Letto bene, ma l’intreccio giallo è ad un certo punto pesantemente annacquato da una melensa ed ingiustificata storia d’amore con tanto di mamma morente che distoglie dalla storia principale. Non l’ho finito, impossibile inghiottire la pillola in stile Harmony.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Matilde86
  • 21 09 2018

Perfetto

Molto ben fatto, solo una parte l’ho trovata poco piacevole... ma in fondo non tutte le storie possono essere sempre come vogliono i lettori. Quindi è perfetto!!!

2 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Mary
  • 02 05 2019

Intrigante

Simpatico, divertente, intrigante dal sapore anche romantico. Un buon ascolto indubbiamente. La narratrice ha sfumato e ben caratterizzato tutti i personaggi. 👍

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    4 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • etrusco60
  • 22 10 2018

Ci siamo quasi...

Peccato! una storia intrigante, ben narrata, ricca di particolari... purtroppo cade verso il finale su intrecci troppo complicati e inverosimili, la storia personale del commissario che va di pari passo allo svolgere della trama cade nel cupo e si sgonfia in un attimo, alla fine ci si tende conto di aver ascoltato un giallo non giallo!
In ogni caso vale il tempo speso, grazie anche all’ottima voce narrante

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Alessandra
  • 07 09 2018

belli'intrigo!

Molto carina la parte giallo/noir, appassionante, originale e ben orcheatrata, meno la storia d'amore abbastanza banale e ovvia.
Piaciuta molto la narratrice! Spero di sentirla anche in altri ascolti!

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Interpretazione
    4 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 04 09 2018

Brava Elda Lanza!

Ascolto piacevole di una storia gradevole
e delicata, che non ha nulla da invidiare a tante altre storie di autori più conosciuti.
Consigliato.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    4 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Laura B.
  • 03 09 2018

intrattenimento

È un romanzo giallo con annessa storia d'amore piuttosto prevedibile. Ormai i commissari devono essere dei bei tenebrosi tormentati altrimenti non c'è storia; insomma ci sono quasi tutti i cliché del genere però per una lettura di puro svago può andare. L'ottima interpretazione permette di arrivare alla fine del romanzo.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    4 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Leyla
  • 08 12 2018

Avvincente ma un po' troppo lungo

Ottimamente narrato trovo superflua e poco credibile la storia d'amore fra Gilardi e Nagi, un romanzetto d'appendice nel romanzo che invece è molto ben architettato.

  • Totali
    2 out of 5 stars
  • Interpretazione
    4 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Giulia RZ
  • 06 12 2018

Il melò uccide

L’indagine sarebbe anche buona, il personaggio della signorina Olga interessante e il cliché del condominio gestito abbastanza bene. Peccato per la parte sentimental-melò, straripante di lungaggini e linguaggio da romanzo rosa.

  • Totali
    2 out of 5 stars
  • Interpretazione
    4 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Silvia
  • 30 09 2018

Mix inutile tra due generi

Un miscuglio di tutti gli stereotipi del noir italiano contemporaneo. La pretesa originalità di mescolare noir e storia sentimentale risulta inutile: nessun nesso concreto tra una storia e l'altra. Tra l'altro l'intreccio giallo è più confuso che complesso.
Tra mille cose insopportabili, una minuscola ma irritante: spiegatemi perché un commissario dovrebbe andare in "studio" e non in "ufficio"
Almeno è letto bene.