Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Claire Moletto è un'americana che vive in Italia da tanti anni, Daniel Deserti l'autore del bestseller internazionale Lo sguardo della lepre e di altri romanzi di minore successo. In un giorno di pioggia torrenziale lui, ubriaco e in piena crisi creativa, va addosso alla macchina di lei.

Da questo incontro-scontro nasce un rapporto che passa dall'ostilità alla diffidenza alla curiosità all'attrazione incontrollabile, nel corso di un'estate rovente. La storia è raccontata a capitoli alterni dal punto di vista di lei e di lui, e con ogni cambiamento di prospettiva cambiano le percezioni, i sentimenti in gioco, le domande senza risposta.

Un romanzo che parla delle ragioni diverse e spesso opposte di un uomo e una donna quando si innamorano davvero.

©2018 La nave di Teseo Editore Srl (P)2020 Audible Studios

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di LeieLui

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    19
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    22
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    14
  • 4 stelle
    12
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • luca
  • 27/11/2020

Robetta.

Mi è rimasto in mente il "dice lui" e " dice lei" continuo. Forse l'opera meno sensibile dell'autore.

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 26/11/2020

Pagine da decimare

Bravo il lettore, prolisso lo scrittore. La storia da chiudere in 10 pagine. Da aggiungere a una banalità sconcertante.

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Roberto G.
  • 25/11/2020

Deludente

Un’idea di sicuro interesse vanificata dalle successive ripetitività e prolissità, nonché dalla voluta subalternità dei dialoghi rispetto alla ridondante descrizione di pensieri e sentimenti. Dalla metà del romanzo in poi è molto accentuata la sensazione di leggere una sceneggiatura di soap opera con relativi luoghi comuni. Peccato!