Ascolta ora gratuitamente con il tuo abbonamento Audible

9,99 € /mese

Dopo 30 giorni, 9,99 €/mese. Cancella quando vuoi.
Ascolta senza limiti migliaia di audiolibri, podcast e serie originali
Disponibile su ogni dispositivo, anche senza connessione
9,99 € al mese, cancelli quando vuoi
Acquista ora a 6,95 €

Acquista ora a 6,95 €

Paga usando carta che finisce per
Confermando il tuo acquisto, accetti le Condizioni d'Uso di Audible e l'Informativa sulla Privacy di Amazon. Tasse dove applicabili.

Sintesi dell'editore

"Era questa la vita che volevi?" Alzi la mano chi può rispondere di sì. Chi non ha mai rimpianto un'occasione mancata o una decisione che non ha preso. E non ha mai fantasticato un'altra vita; la vita che, forse, voleva davvero? 

È quel che succede ai personaggi di questo audiolibro lieve e imprevedibile: Laura che credeva di aver fatto pace con gli uomini e non sa che la guerra è appena cominciata; Maddalena che ha sbagliato incrocio e ha perso la sua unica chance; Lorenzo che, grazie a uno sguardo, finalmente apre gli occhi; Patrizia e Carla, casalinga l'una, donna in carriera l'altra, che fanno i conti con la stessa "assenza di fondo", mentre i mariti giocano a un tavolo di poker il loro "ultimo giro". Uomini e donne che si guardano indietro, o allo specchio, e scoprono, con sorpresa, curiosità o spavento, che come dice Lorenzo: "lo di vite ne avrei potute fare almeno cinque o sei". 

Perché le vie del destino sono infinite, e se è vero che Dio ha inserito nelle nostre esistenze la variabile "caso" per movimentare un po' la situazione, è anche vero che a volte del caso nemmeno ci accorgiamo, perché fa capolino nelle cose più piccole: una sveglia che non suona, un numero di telefono sbagliato, un caffè preso in un bar diverso dal solito. Ma non c'è motivo di disperare: forse, sembra suggerire Licalzi con il tono scanzonato di sempre, tutte le vite che avremmo voluto le stiamo vivendo, proprio ora, in altri universi, in cui altri noi sono alle prese con altre storie.

©2011 Grandi & Associati Srl (P)2019 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di La vita che volevo

Valutazione media degli utenti. Nota: solo i clienti che hanno ascoltato il titolo possono lasciare una recensione
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    64
  • 4 stelle
    64
  • 3 stelle
    45
  • 2 stelle
    11
  • 1 stella
    14
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    89
  • 4 stelle
    45
  • 3 stelle
    27
  • 2 stelle
    12
  • 1 stella
    10
Storia
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    57
  • 4 stelle
    51
  • 3 stelle
    50
  • 2 stelle
    10
  • 1 stella
    14

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • paola tanti
  • 01/05/2021

La vita che volevo

Molto meno diCosa ti aspetti da me, ma comunque un piacevole ascolto.Bravo il lettore,non annoia

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • donna flo
  • 04/09/2020

Particolare

Racconti che danno notevoli spunti di riflessione, alcuni pezzi mi hanno anche divertita, altri troppi crudi L’interpretazione è magistrale .

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Walter
  • 24/05/2022

deluso ...

racconti brevi a parte un paio di carini il resto noiosi . davvero deluso da questo Licalzi

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • giorgia
  • 15/04/2022

Bello per metà

Alla fine mi ha un po' annoiata, ma l'idea era interessante.
Sliding doors!
Letto bene a parte lo scimmiottare la voce delle donne

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • marcella
  • 26/03/2022

mi piace

mi piace Licalzi, ho letto anche gli altri suoi libri e lo consiglio, mi piacciono le sue riflessioni che condivido. mi piace un po' meno il lettore che a tratti assume un'intonazione ironica e canzonatoria che a mio avviso non rispecchiano il testo m

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • ElenaW
  • 03/07/2021

Toccante...

spaccato della nostra vita, delle nostre scelte, della fatalità o forse del caso... del fabbro con la sua lettura riesce a dare grande emozione e coinvolgimento

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • max
  • 18/06/2021

scorrevole ma povero

il mio problema è stato leggere per primi "L'ultima settimana di settembre" e "Cosa ti aspetti da me", così cercando quel Licalzi sarcastico e introspettivo mi sono imbarcato nei due libri sul guru, poca roba e il secondo inascoltabile, e in questo che se si tralascia le ripetizioni e la filosofia spicciola finale è perlomeno scorrevole... D'altronde "il massimo con il minimo sforzo" è lo stile dello scrittore, come egli stesso dichiara...spero meglio il prossimo ...

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • SONIA MARCHISIO
  • 12/04/2021

Mi diverte e mi illumina!

È il primo libro che leggo di Licalzi ma certamente andrò a cercare gli altri. È spiritoso, dissacrante, illuminante. L ultimo capitolo, che tira un pò le fila dei precedenti dà un interpretazione del significato dell esistenza e della casualità o necessità delle cose che accadono, veramente interessante. Bello!

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • luisa fracassini
  • 12/04/2021

smesso

Non capisco: intriso di argomenti pesantissimi quale la filosofia, letto con una voce da farsa. Lho abbandonato

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Anto Nella
  • 08/04/2021

inutile e noioso

interrotto dopo mezz'ora, lettura pietosa e contenuto decisamente scadente, solo una pletora di parolacce.
sicuramente non lo consiglio