Il passaggio

Letto da: Gaetano Lizzio
Durata: 4 ore e 23 min
4 out of 5 stars (35 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Ci siamo. Ecco cosa capisce Carlo non appena riceve la telefonata di suo padre. Un pensiero immediato, che non lascia dubbi. Ci siamo. E infatti basta quella telefonata per spezzare in un attimo, in un breve scambio di battute, la regolarità della sua vita londinese, il lavoro allo studio di architettura, le sere e i fine settimana allegri con la moglie Francesca e i gemellini. "Sapevo che prima o poi il momento sarebbe arrivato, il tempo in cui avrei dovuto fare i conti con l'essere un uomo, con l'essere un padre, con la distaccata consapevolezza di trattare chi mi aveva messo al mondo per ciò che era. Il tempo in cui si dà un nome alle cose, in cui collocare nel posto giusto le intemperanze, gli imbarazzi, le frustrazioni, le distanze, la rabbia, il biasimo, il disprezzo. Il tempo di dare un'identità al mio addio, alla mia incapacità di ripercorrere la distanza che ci separava e che lo aveva spinto fino ai confini del mondo." 

Il padre - un padre debordante e iroso, intemperante e pieno di genio, da cui Carlo ormai da anni si tiene a distanza di sicurezza - lo chiama da Upernavik, Groenlandia, per chiedergli di aiutarlo a portare una barca, il Katrina, da lì fino in Canada. Perché il passaggio del titolo è il celeberrimo passaggio a Nord-ovest, ed è su quelle acque pericolose e fra quei ghiacci, fra quelle solitudini e gli sporadici incontri con gli inuit delle coste, che ha luogo il confronto fra un padre e un figlio. 

Perché il passaggio, è chiaro, non parla solo di rotte geografiche, è soprattutto il superamento di un confine, un avvicinamento ai propri mostri, un attraversamento conradiano. E Pietro Grossi, con l'esperienza di chi in mare ci è cresciuto e conosce gli strumenti della navigazione così come sa bene quelli della narrazione, giocando con i grandi classici della letteratura come i cuccioli di balena con lo scafo del Katrina, ci porta dentro quegli abissi che i grandi romanzi di acqua e oceani hanno il potere di spalancarci davanti.

©2016 Giangiacomo Feltrinelli Editore S.r.l. (P)2019 Audible Studios

Cosa pensando gli ascoltatori di Il passaggio

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    16
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    8
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    2
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    17
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    3
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    16
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    6
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • patrizia maffei Yoga per tutti
  • 25/07/2020

Il passaggio a Nord Ovest<br />Il rapporto col padre

Difficile relazionarsi con un padre così ingombrante, tanto quanto passare il mitico passaggio a Nord Ovest. Una bella storia un po' troppo infarcita di particolari, va bene quelli prettamente marittimi ma altre descrizioni sul cibo o bevande o gesti fra i personaggi mi hanno un po' annoiato.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Alessandro
  • 12/07/2020

Profondo

Questo libro che per certi versi mi ha ricordato "Le 8 montagne" di Cognetti tratta in modo profondo, intrigante ma sempre, sempre molto delicato i difficili rapporti tra un figlio, sensibile, un po' insicuro e che non ama il confronto e un padre, irruente, impermeabile a ogni tipo di responsabilità e refrattario alle regole. "Il passaggio" non è quindi solo quello fisico, di spostamento, dalla Groenlandia al Canada ma è anche quello interiore, dalla non accettazione alla comprensione dei pareri dell'altro.
Molto bello e letto in maniera magistrale.
Luisa