Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Peppino Fiorillo è determinato a sposare l'amorevole e gentile giovane Cristina: "Cristina o la morte"! Cristina tuttavia rifiuta categoricamente le sue avances. Deluso, Peppino decide di andar a studiare a Napoli.

Passano tre anni. Credendo di potersi liberare di questo fastidioso pretendente, Cristina accetta di buon grado la proposta del padre Giovannino di sposare un uomo giovane e onesto. La data del matrimonio è fissata. Ma...

Matilde Serao è stata una scrittrice e giornalista italiana. Pubblicò 5 volumi di novelle e racconti brevi e fu la prima donna italiana ad aver fondato e diretto un quotidiano, Il Corriere di Roma, esperienza successivamente ripetuta con Il Giorno e Il Mattino, che diventò il giornale più letto del Sud Italia. Fu nominata 4 volte per il Premio Nobel per la Letteratura.

©2019 SAGA Egmont (P)2019 SAGA Egmont

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di Cristina

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 2 out of 5 stars
  • 5 stelle
    0
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 3 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1
Storia
  • 2 out of 5 stars
  • 5 stelle
    0
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    2

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • maria luisa scarpa
  • 20/02/2021

lo sapevo

a scuola non ho mai voluto leggere niente di Matilde serao e preferivo un brutto voto. solo il suono del suo nome mi sembrava oscuro è tragico. questo è il primo scritto che leggo di lei e non mi sbagliavo