Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Alle soglie della follia, Nietzsche sosterrà di aver fatto all'umanità, con lo "Zarathustra", il più grande dono che essa abbia mai avuto: "Questo libro, una voce che passa sui millenni, non solo è il libro più alto che esista [...], ma anche il più profondo, generato dalla più intrinseca ricchezza della verità, una fonte inesauribile dove non si può calare il secchio senza farlo risalire colmo d'oro e di bontà". Perciò Nietzsche gli assegnerà una posizione preminente fra tutti i libri: "Il primo libro di tutti i millenni, la Bibbia dell'avvenire, la suprema esplosione del genio umano, in cui è incluso il destino dell'umanità".

"Così parlò Zarathustra" rappresenta in effetti un unicum irripetibile nella storia della letteratura e della filosofia: i pensieri più abissali (la diagnosi del nichilismo, l'eterno ritorno, il superuomo, la volontà di potenza) sono presentati al lettore non in forma teoretica, argomentativa, bensì come parola viva dell'alter ego dell'autore, in modo tale da consentire a Nietzsche di rivelarsi come uno dei più grandi stilisti della lingua tedesca e uno dei vertici assoluti raggiunti dalla sua poesia. Questo capolavoro poetico e filosofico viene qui proposto in un'edizione agile, ma dotata di apparati critici sufficienti a introdurre l'ascoltatore a quello che è il più difficile dei compiti, secondo Nietzsche stesso: non travisarne il pensiero, ma "leggerlo bene".

©2017 Per la traduzione italiana: Giangiacomo Feltrinelli Editore S.r.l. Tradotto da Susanna Mati (P)2018 Audible Studios

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    16
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    15
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    17
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    8
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • revilo
  • 08/01/2019

Zarathustra non ha tempo

Lettura sciolta che permette di seguire una letteratura a volte ombrasa compreso come testo scritto. Complimenti!

5 su 5 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Alessandro Secci
  • 23/05/2019

Semplicemente bellissimo.

Delle gioie e delle passioni. Fratello mio, se hai una virtù ed è la tua virtù, allora essa non l'hai in comune con nessuno. Certo tu vuoi chiamarla per nome, vuoi coccolarla, vuoi tirarle le orecchie e divertirti con lei, ma vedi, ora ha il suo nome in comune con la gente e tu stesso sei diventato gente e gregge con la tua virtù. Faresti meglio a dire: indicibile e senza nome è ciò che costituisce il tormento e la dolcezza della mia anima, e che anche la fame delle mie viscere. La tua virtù sia troppo alta per la confidenza dei nomi e se dovessi parlare di lei allora non vergognarti di balbettarne. Parla così e balbetta: questo è il mio bene, questo io amo, cosi esso mi piace davvero, solamente così io voglio il bene. Non lo voglio come la legge di un dio; non lo voglio come un imposizione e una necessità di uomini, non sia per me una guida per terre sovraterrene e paradisi. Una virtù terrena è quella che io amo, vi è in essa poca avedutezza e meno di ogni altra cosa vi è la ragione di tutti. Ma questo uccello si è costruito il nido presso di me, perciò lo amo e lo stringo al cuore. Adesso cova presso di me le sue uova d'oro. Cosi devi balbettare e lodare la tua virtù. Un tempo avevi le tue passioni e le chiamavi malvagie ma adesso hai solamente le tue virtù. Esse sono cresciuta dalle tue passioni. Tu hai posto la tua meta più alta nel cuore delle tue passioni perciò sono diventate le tue virtù e le tue felicità, e che tu appartenessi al genere degli iracondi o dei lussuriosi o dei fanatici di una fede o dei vendicativi, alla fine tutte le tue passioni sono diventate virtù e tutti i tuoi diavoli sono diventati angeli. Un tempo avevi cani selvatici nella tua cantina ma alla fine essi si sono tramutati in uccelli e amabili canterini. Dai tuoi veleni ti sei distillato il tuo balsamo, hai munto la tua mucca tristezza, ed ora bevi il dolce latte della sua mammella e più niente di cattivo crescerà da te, neppure il male che scaturisce dalla lotta tra le tue virtù. Fratello mio, se hai fortuna hai una sola virtù e niente di più. Così più leggero attraversi il ponte, ma è distinto avere molte virtù, è una sorte difficile. Alcuni andarono nel deserto e si uccisero, perché erano stanchi di essere la battaglia e il campo di battaglia tra le virtù. Fratello mio sono un male la guerra e la battaglia ma necessario questo male; necessaria è l'invidia, la diffidenza e la calunnia fra le tue virtù. Vedi come ognuna delle tue virtù è desiderosa per la supremazia? Essa vuole tutto il tuo spirito affinché sia il il suo araldo, vuole tutta la sua forza nel l'ira nell'odio e nell'amore. Gelosa e ciascuna virtù una dell'altra, ed è una cosa terribile la gelosia. Anche le virtù possono perire di gelosia, quando la fiamma della gelosia lo circonda costui alla fine come lo scorpione rivolge contro se stesso il pungiglione velenoso. Ahimè fratello mio, non hai mai visto una virtù calunniare trafiggere se stessa? L'uomo è qualcosa che deve essere superato, per questo devi amare le tue virtù poiché di esse perirai. Così parlo Zarathustra.

2 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Tina
  • 04/10/2019

visionario e a tratti delirante

Tolto qualche passaggio illuminante, il resto mi è sembrato parole in libertà, inutile delirio. Sono arrivata fino ala fine solo per confermare la mia opinione. Fastidiosa anche l'altisonante interpretazione.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Pastorec
  • 13/05/2019

Nietzsche era 100 anni... oltre

L'Oltre Uomo era lo stesso Nietzsche che aveva già previsto l'orrore della nostra epoca immonda