Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Un giorno qualcuno avrebbe favoleggiato di pianeti sconosciuti in cui società militari avrebbero eliminato gli imperfetti per creare generazioni invincibili. Ma quella sarebbe stata soltanto finzione letteraria, perché nella realtà era proprio il difetto a creare la bellezza. 

Taormina, 1932. "Fermo", quell'unica parola, pronunciata con decisione, attrae l'attenzione di Sebastiano Caruso, un ragazzo di diciassette anni, orfano di padre, la cui vita quel giorno cambia per sempre. L'uomo che ha parlato, il barone Ludwig von Trier, alto e sottile, pallido e vestito in modo impeccabile, è così diverso da chiunque viva a Taormina, che la curiosità di Sebastiano si accende, soprattutto per via della scatola misteriosa che lo sconosciuto tiene tra le mani. 

Quando il barone, fotografo e artista, lo scopre nell'atto di seguirlo, lo fa entrare in un mondo di cui Sebastiano non sospettava neppure l'esistenza. Grazie al ragazzo, che gli fa da aiutante e da modello, e a Elena Amato, governante premurosa, donna dotata di un'antica saggezza e di un passato misterioso, amica e sodale, Trier impara qualcosa sull'amore che nessuno gli aveva mai insegnato nella fredda casa in cui era stato cresciuto e da cui se ne era andato. 

Ma "dove c'è luce, c'è anche ombra" dice spesso Trier e, insieme alla luce che fa risplendere la bellezza, il barone sperimenterà anche l'ombra più cupa, la violenza fascista e il serpeggiare delle discriminazioni. E rischierà di esserne inghiottito. Un romanzo liberamente ispirato alla storia del fotografo tedesco Wilhelm von Glöden, sulla libertà, di pensiero e costume, che solo nell'arte non conosce odio per il diverso, e sulla paura di svelare la violenta ignoranza che si annida nei meandri più bui dell'animo umano.

©2019 Piemme (P)2019 Piemme

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    32
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    28
  • 4 stelle
    11
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    29
  • 4 stelle
    6
  • 3 stelle
    6
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Loulou
  • 21/06/2019

Commovente e travolgente,

ma anche sensuale. Delicato e selvaggio. A momenti mi sembrava di leggere Verga a momenti Schiller e Goethe. Una scrittura fluida e attenta che ti porta dentro il cuore di ciascun personaggio e ti fa vivere ogni sensazione come fosse tua. Il romanzo si mostra come un quadro, una foto di un’epoca in cui si muovono i quattro personaggi. Ognuno alla ricerca di un se non ancora definito. Su tutto il pregiudizio, l’ignoranza gretta e meschina che riesce ad offuscare, e a volte a distruggere, il bello che c’e in ogni cosa. La meschinità contro la purezza dei sentimenti. La figura femminile di Elena è indimenticabile. Bellissimo.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 17/06/2019

Il pregiudizio .

È un racconto in cui l'autrice esprime enorme capacità nel gestire tematiche estremamente attuali ,focalizzate in specifico periodo storico e geografico. La sensibilità umana ,la capacità di realizzare il bello è sporcato ,infangato dall' ignoranza e immancabilmente dal pregiudizio, un giudizio che si antepone a priori realizzando il vero ostacolo alla conoscenza,dunque alla reale consapevolezza.
Bellissimo.

3 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Teresa Nano
  • 14/09/2019

Magnifico

Un amore profondo e un pregiudizio culturale di quei tempi.Un romanzo ispirato ad una vera storia. Bellissimo

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • DC
  • 07/09/2019

Cronaca di un amore disperato

Bellissimo racconto di un amore profondo, proibito e disperato di cui, dall'inizio, si intuisce la fine drammatica ma di cui,fino al termine, si spera in un epilogo diverso, meno doloroso. Da riascoltare per trovare tra le parole cose nuove, sfuggite si nostri sensi.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Concetta Vasta
  • 04/09/2019

veramente magnifico

ho scoperto grazie a questo titolo un'autrice veramente brava. storia originale, commovente, profonda e bellissima. indimenticabili il barone ed Elena. perfetta Betta cucci.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Federico
  • 20/07/2019

Meraviglioso!

Uno dei romanzi più belli di sempre. Lo avevo letto in cartaceo e ho voluto ascoltarlo. Mi convince poco l'interpretazione che la voce dà ad Elena. Questo però non incide sulla potenza del miglior R
Romanzo italiano di quest'anno. Finale sorprendente e storia importante e bellissima.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Maddalena
  • 12/07/2019

il bene sul male

descrive benissimo I problemi di quei tempi . quanto conta il giudizio della gente
quanto pesano le parole
e come pesa l ignoranza
Nel mio "sogno" avrei preferito un finale diverso

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • simonetta r.
  • 11/07/2019

non mi e' piaciuto, banale, scontato

Purtroppo la storia non mi ha appassionato per niente, troppo scontata. Non vedovo l'ora che finisse. Anche la lettura non mi e' piaciuta, la lettere ha una voce inadatta alla storia, legge come si trattasse di una favola. Peccato..

0 su 3 utenti hanno ritenuto utile questa recensione