Serving the Servant

Ricordando Kurt Cobain
Letto da: Gino La Monica
Durata: 9 ore e 33 min
4,6 out of 5 stars (21 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

All'inizio del 1991, il famoso manager musicale Danny Goldberg accettò nella sua scuderia i Nirvana, una nuova band acclamata dalla scena musicale underground di Seattle.

Non aveva idea che il leader della band, Kurt Cobain, sarebbe diventato un'icona della cultura pop e del mondo della musica, e che la sua fama avrebbe eguagliato quella di John Lennon, Michael Jackson o Elvis Presley. Danny ha lavorato con Kurt dal 1990 al 1994, il periodo più importante della vita di Cobain.

Questi anni fondamentali hanno visto il successo stratosferico di Nevermind, l'album che ha trasformato i Nirvana nella rock band di maggior successo al mondo e reso noti a tutti termini come grunge; l'incontro e il matrimonio di Kurt con la brillante ma volubile Courtney Love e la nascita della loro figlia, Frances Bean; e, infine, la lotta pubblica di Kurt contro la dipendenza, che si concluse con un suicidio devastante che avrebbe cambiato per sempre la storia del rock.

Per tutto il tempo, Danny, manager e amico intimo di Kurt, si schierò dalla sua parte. Attingendo ai ricordi personali di Goldberg, a documenti mai resi pubblici e a interviste con i familiari, gli amici e gli ex compagni di Kurt, Serving the Servant. Ricordando Kurt Cobain, dal titolo di uno dei pezzi più iconici e famosi, getta una luce completamente nuova su questi anni critici senza indugiare sulla comune ossessione per l'angoscia e la depressione che apparentemente guidavano Kurt.

Questo libro si concentra invece sul suo genio, la sua compassione, la sua ambizione e l'eredità che ha lasciato e che dura da decenni, un tempo ben più lungo della sua stessa carriera. Danny Goldberg esplora ciò che su Kurt Cobain risuona ancora oggi, anche per una generazione che non era ancora nata al momento della sua morte. E nel farlo, ci offre il ritratto di un'icona indimenticabile.

©2019 HarperCollins Italia S.p.A.Tradotto da Alessandra Rotilio (P)2020 HarperCollins Italia S.p.A

Cosa pensano gli ascoltatori di Serving the Servant

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    12
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    12
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    10
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Hesnerley
  • 06/10/2020

Quando pensi di sapere tutto su kurt invece no!

Dettagliato, profondo, autentico chi meglio del manager/amico per raccontarti kurt cobain e la sua vita dentro e fuori dallo showbiz!

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Antonella R.
  • 05/10/2020

Grande, fragile Kurt

Mi è piaciuto questo libro per la sobrietà con cui è scritto e l’assenza di autocompiacimento dell’autore che ha avuto la fortuna di essere così vicino a Kurt. Solo un appunto, non ho gradito il tono un po’ troppo maturo della voce recitante, stavo per mollare la lettura per questo, poi l’amore per Kurt ha prevalso

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 03/10/2020

Serving the Servant

Un libro inaspettato. Ho amato Kurt da sempre, e la descrizione che viene fatta di lui, adesso che sono grande mi ha fatto scoprire un uomo nuovo, che non avevo colto da bambina, affascinata soltanto dalla voce e dalla potenza, dall’ emozione, provata sentendo la sua voce. Con immenso piacere ho ascoltato il coraggio e l’ideali perfettamente trasmessi in queste pagine. Un Kurt artista, un Kurt geniale, debole quanto estremamente forte, un empatia che contagia ed apre il cuore durante tutto il racconto. Mi ha commosso molto.