Ascolta ora gratuitamente con il tuo abbonamento Audible

9,99 € /mese

Dopo 30 giorni, 9,99 €/mese. Cancella quando vuoi.
Ascolta senza limiti migliaia di audiolibri, podcast e serie originali
Disponibile su ogni dispositivo, anche senza connessione
9,99 € al mese, cancelli quando vuoi
Acquista ora a 6,95 €

Acquista ora a 6,95 €

Paga usando carta che finisce per
Confermando il tuo acquisto, accetti le Condizioni d'Uso di Audible e l'Informativa sulla Privacy di Amazon. Tasse dove applicabili.

Sintesi dell'editore

In Italia - che pure non è tra i Paesi con più elevata disuguaglianza - i dieci individui più ricchi posseggono più risorse economiche dei circa tre milioni di individui più poveri. Molte sono le questioni di natura economica e politica che tale divario solleva. Quanta parte della ricchezza di un individuo deriva dal suo impegno e quanta invece è frutto del caso? Quanto contano eredità e origini sociali? È giusto che lo Stato si preoccupi di redistribuire la ricchezza o non dovrebbe piuttosto assicurare a ciascuno le stesse opportunità?

Gli autori affrontano questi aspetti illustrando dimensione, composizione e distribuzione della ricchezza in Italia, dal dopoguerra sino agli anni più recenti, caratterizzati dalla percezione di un impoverimento e dalle difficoltà delle giovani generazioni. Offrono infine spunti di riflessione sugli interventi che possono favorire una maggiore uguaglianza dei punti di partenza.

©2006 Società editrice il Mulino Spa (P)2019 Audible Studios

Altri titoli dello stesso

Cosa pensano gli ascoltatori di La ricchezza degli italiani

Valutazione media degli utenti. Nota: solo i clienti che hanno ascoltato il titolo possono lasciare una recensione
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    8
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Mirella
  • 30/12/2019

Nulla di nuovo sotto il sole

Il contenuto è sintetizzabile nel retro di copertina, per fortuna il narratore riesce a rendere tutto più piacevole.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 01/08/2019

Riflessivo e consigliato

Il libro precede la crisi del 2008 e quindi l’aspetto immobiliare della ricchezza italiana va di certo ricalibrato ai giorni attuali; non di meno le riflessioni sulla distribuzione delle ricchezze e sulle diseguaglianze sono validissime. Proprio da queste ultime si può trovare ironico come ancora oggi le fazioni politiche si scontrino su proposte e soluzioni opposte che singolarmente presentano pro e contro che si annullano avvicendevolmente; nel libro sono esposte alcune vie da percorrere che presentino solo vantaggi: migliorare istruzione, ridurre criminalità, aumentare efficienza della spesa pubblica, favorire collegamento tra istruzione e lavoro, favorire innovazione nelle imprese, tutte tematiche evidentemente non molto attrattive a livello elettorale, che andrebbero invece maggiormente richieste dall’elettorato

1 persona l'ha trovata utile

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 28/08/2019

Bello! Scorrevole, lineare e chiaro. Lo consiglio

Seppur un po' datato ancora utilissimo per chi volesse approfondire in maniera non più dozzinale i principali concetti economici di Reddito, Ricchezza, Risparmio, Crescita, Distribuzione ecc.. Utile perché di-mostra in modo chiaro semplice che alle ricette politiche attuali, polarizzate per ragioni ideologiche elettorali su posizioni estreme, non esiste un vero o falso ma una bilancia di infinite possibilità dove, ad ogni scelta corrisponde SEMPRE una serie di vantaggi e una di svantaggi. Compito della politica non dovrebbe essere quella di sbandierare verità illusorie ma mostrare, dibattere e ponderare gli effetti di ogni possibile scelta.