Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Salò, inverno del 1944. Reduce dall'avventuroso recupero del carteggio Mussolini-Churchill narrato ne "Il morto in piazza", il colonnello Martin Bora si ritrova sulle sponde del lago di Garda come ufficiale di collegamento tra la Wehrmacht e la Repubblica Sociale Italiana. Qui viene subito incaricato da un generale dell'Aviazione di investigare sull'incredibile furto della "Venere di Salò", un preziosissimo dipinto di Tiziano sottratto con troppa facilità dalle sale di una villa requisita dai tedeschi.

Mentre Bora inizia ad indagare tra una miriade di personaggi civili e militari, tutti ampiamente sospetti per un motivo o per l'altro, il ritrovamento di tre cadaveri aggiunge una nuova dimensione al mistero: sono tre bellissime donne, apparentemente suicide, ma in realtà (come Bora intuisce da microscopici dettagli) assassinate da un'unica mano omicida.

Si tratta di un serial killer oppure questi delitti sono intimamente connessi al furto de "La Venere"? Perché l'assassino lancia messaggi cifrati all'investigatore tedesco, quasi invitandolo ad una partita mortale? E per quale motivo le autorità italiane e germaniche si sforzano di far ricadere i sospetti sullo stesso Bora?

©2006 Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency. Tradotto da Luigi Sanvito (P)2019 Audible Studios

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    34
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    42
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    32
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Massimo
  • 23/01/2019

Bora: un eroe possibile

Bellissima e precisa la descrizione della Repubblica di Salò, del borioso Graziani e del suo esercito di vinti che fingono di vincere. Ormai siamo alla fine della guerra e devo dire che mi dispiacerà moltissimo lasciare Martin Bora, un personaggio che vorresti fosse vero. Divorato come tutti gli altri libri della Pastor.
Il narratore é semplicemente eccezionale.
Non fateci aspettare troppo per i prossimi.
Grazie Audible!

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marica
  • 06/04/2019

Il più bello della serie!

Direi che questo libro è il più bello di tutti, ti tiene incollato all'ascolto. Al solito bravissimo Valerio Sacco

  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marina P.
  • 28/01/2019

La perfezione in una moltitudine di frammenti

Uno dei miei romanzi preferiti del ciclo di Martin Bora, meravigliosamente scritto e ottimamente interpretato da Valerio Sacco. L'unico difetto è la copertina scelta per la versione audio: molto più appropriata ed evocativa quella del romanzo cartaceo, con la Venere di Urbino che indossa la Croce di Ferro. Ma proprio a volercelo trovare, un difetto!

  • Totali
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    3 out of 5 stars
  • Domenico Gallipoli
  • 01/02/2019

Plumbeo

Il colore che pervade i romanzi del ciclo di Martin Bora è il grigio piombo. La scrittura farraginosa e criptica della Pastor e i continui rimandi, infastidiscono per le molteplici volte per cui bisogna ritornare indietro con l'ascolto per capirci qualcosa, ma sono il non detto e il sottinteso, alla fine, ad avere il sopravvento. Si arriva così al termine del romanzo, per lunghi tratti noioso, dove i principali avvenimenti avrebbero potuto essere descritti in poche pagine e la maggior parte dei discorsi e ragionamenti espressi in esso sono avulsi e inutili allo sviluppo della narrazione.
L'ultimo capitolo è l'unico, a parte alcuni sprazzi che ogni tanto emergono dalle tediose pagine del romanzo, a riuscire nell'intento di catturare sul serio l'attenzione del lettore, furbescamente credo, ma sarà difficile essere così masochisti da leggerne o ascoltarne il seguito.
Unica nota positiva la superba interpretazione della voce narrante.

0 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione