Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Sono più interessanti le storie belle o le storie tristi, quelle nere o quelle rosa? Le storie sono storie, e raccontano la vita.

Ogni volta che qualcuno muore sul lavoro si apre un'inchiesta, ma poi non succede niente. Delle loro vite, delle loro storie, della tragedia che colpisce intere famiglie, resta per lo più una memoria privata, non condivisa. NarraVita oggi racconta la storia dei due operai morti nell'incidente ai cantieri di Livorno. Li chiavano "il bimbo" e "il superbabbo".
 

>> Questo podcast vi è offerto grazie alla collaborazione esclusiva tra Audible e La Stampa.

©2018 GEDI News Network S.p.a. (P)2018 GEDI News Network S.p.a.

Cosa pensano gli ascoltatori di Il bimbo e il superbabbo (NarraVita 11)

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    7
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Marco
  • 10/04/2018

Comincia a essere noioso

Frasi fatte, luoghi comuni... questo podcast comincia a essere noioso. Il ragazzo che vuole fare il calciatore ma non era abbastanza bravo pur essendo bravissimo, il contratto a tempo indeterminato in azienda grazie al padre ma i suoi superiori gli assicurano che lo avrebbero assunto comunque perché era proprio bravo... tutti eroi questi italiani, "ci sapeva fare e proprio tanto" e frasi di questo tipo, ovviamente "solo la famiglia gli piaceva di più". Malaguti sta diventando la Maria De Filippi dei podcast. Vediamo di aggiornare velocemente, non tanto le tematiche ma la modalità da Carramba de noartri che il giornalista si ostina a utilizzare oramai da qualche episodio. Parere personale: non abbiamo bisogno di (finti) eroi e di lacrime facili, ma di affrontare le problematiche di vita con chiarezza e partecipazione, non captatio benevolentiae con frasette da giornale di provincia.