Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

La vita di Paul Tantum è cambiata. Ha compiuto quattordici anni, e ora sa di appartenere a una famiglia di mutanti. Sa anche che quando muta si trasforma in un licantropo, veloce e fortissimo. Ma l'idea di andare in una nuova scuola, per giunta per mutanti, lo spaventa non poco. Quando poi sale sullo scuolabus guidato da uno scheletro in divisa e lo accoglie una ragazza che comincia a urlare perdendo sangue dagli occhi... be', Paul capisce che le cose si mettono davvero male.

©2010 Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (P)2020 Audible Studios

Cosa pensano gli ascoltatori di Scuola di morte

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Daniele Casula
  • 15/08/2020

ottimo

narratore top e collana di libri stupenda per tutte le età . consigliato ! !

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Michela Barrasso
  • 17/07/2020

Seguito del primo, sempre super!!!

Secondo libro della trilogia della morte, devo dire che mi è piaciuto parecchio, anche se, a mio parere, non è avvincente quanto il primo. Certo la narrazione mi ha coinvolta molto, e penso che sia adatta ad adulti e ragazzi, sempre con personaggi strani e divertenti, ma anche inquietanti; però il primo ha avuto un finale più coinvolgente. Il narratore è sempre super, lo adoro!!! Sa interpretare a suo modo ogni singolo personaggio, caratterizzandolo e coinvolgendoti nella storia come se la vivessi in prima persona! Complimenti