Novecento italiano - 1968. La grande contestazione

Lezioni di Storia
Letto da: Marco Revelli
Serie: Lezioni di Storia, Titolo 6
Durata: 1 ora e 7 min
Categorie: Storia
4 out of 5 stars (50 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Il corteo risale da Piazza di Spagna e arriva a Valle Giulia. Sulle scale della Facoltà di Architettura di Roma, sgomberata il giorno prima per ordine del Rettore, ad attendere le migliaia di studenti c'è la Celere della Polizia di Stato. È una battaglia epica, alla fine della quale si contano quasi 500 feriti tra i manifestanti e più di 100 tra le forze dell'ordine. La notizia occupa le prime pagine dei giornali: è esploso il Sessantotto italiano. Passa un mese da quel 1° marzo 1968 e scene simili si ripetono a Berlino, di fronte alla sede dell'editore Springer, in reazione all'attentato contro il leader studentesco Rudi Dutschke (una settimana dopo l'assassinio di Martin Luther King). Passa un altro mese e a Parigi il cuore del Quartiere Latino, di fronte alla Sorbona, brucia di altri scontri. Arriva agosto: sono i giorni dell'invasione della Cecoslovacchia e dell'inutile resistenza ai carri armati russi. A ottobre è la Piazza delle tre culture di Città del Messico, i pugni chiusi nel guanto nero di due atleti di colore sul podio delle Olimpiadi gridano sulla scena del mondo la lotta delle Pantere nere. 

Il Sessantotto è questo: la prima, esplosiva manifestazione della globalizzazione, la prima, inedita dimensione mondiale della protesta giovanile. La contestazione di quei giorni è "globale" non solo per l'estensione geografica, ma anche per l'ampiezza dei rapporti di potere che mette in discussione. Cosa rimane, oggi, di quei valori e di quella generazione? Quanto del nostro (buono o cattivo) presente ne porta i segni? È stato "tradito", quel movimento, o "ha vinto"?

©2019 Gius. Laterza & Figli S.p.a. (P)Emons 2019. Edizione su licenza di Gius. Laterza & Figli S.p.a.

Cosa pensando gli ascoltatori di Novecento italiano - 1968. La grande contestazione

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    26
  • 4 stelle
    13
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    5
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    26
  • 4 stelle
    12
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    4
  • 1 stella
    3
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    24
  • 4 stelle
    10
  • 3 stelle
    11
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • DAVID ANTOLA
  • 07/06/2019

Consigliatissimo

molto interessante, offre uno spaccato illuminante sul 68 Ascolto piacevole e non troppo impegnativo Consiglio

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 24/05/2020

Un’analisi acuta e problematica

Ottima sintesi dell’excursus di un movimento che ha segnato la seconda metà del novecento con le sue idealità le sue illusioni le sue sconfitte ed i suoi esiti contraddittori.
Importante nomeNoto di riflessione sul nostro presente