Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

In questo audiobook dedicato ai più piccoli, sono narrate tre belle favole: "Il topo di città e il topo di campagna", che racconta le vicende di due topini che hanno opinioni diverse; "Il corvo e la volpe", la storia di un corvo vanitoso alle prese con una volpe furbissima; "Il cane e la lepre", l'avventura di un leprottino un po' disubbidiente che fortunatamente un orso tirerà fuori dai guai. La vocina simpatica del topo di campagna, il ringhio feroce di un cagnaccio ingordo, il gracchiare di un corvo vanitoso, e le voci di tanti altri animaletti, terranno compagnia ai più piccini, facendoli sorridere. In questa raccolta di favole bellissime e immortali ci sono le voci dei migliori attori italiani, i suoni del bosco, i versi degli animaletti, i rumori della città: tanti spunti per stimolare l'attenzione dei più piccoli, divertendoli.
©Public domain (P)2014 GOODmood

Cosa pensano gli ascoltatori di Le favole degli animaletti parlanti

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Federico
  • 07/10/2019

giudizio negativo

interpretazione troppo movimentata per un bambino, soprattutto per conciliare il sonno.
dovrebbe essere di Esopo mi é parso di capire ma non mi pare ... sembra rieditato in chiave moderna.