Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Nata a Udine il 17 agosto 1896 e deceduta a Città del Messico il 5 gennaio 1942, Tina Modotti ha avuto una vita che sembra scritta da un romanziere, fors'anche eccessivamente fantasioso.

Partì da Udine a 2 anni a seguito del padre prima per l'Austria poi approdò a San Francisco, premessa ad una vita errabonda tra Parigi, Mosca, Vienna, Madrid fino in Messico dove morì in circostanze misteriose su un taxi. Artista e intellettuale, attrice a Hollywood nel 1920 e fotografa fu tra i primi a capire il valore sociale della fotografia, ad intuire la forza comunicativa di un'immagine e il suo potenziale di denuncia.

Ascoltando il radiodramma e la vita di Tina Modotti si fanno incontri straordinari (dai fotografi Robert Capa e Edward Weston, ai grandi pittori messicani come Diego Rivera) e si attraversa la storia partecipando ai fatti che l'hanno coinvolta.

Regia di Silvio Maestranzi.


>> Questo audiobook in edizione integrale vi è offerto in esclusiva per Audible ed è disponibile solamente in formato audio digitale.
©2006 RSI (P)2014 Fonderia Mercury Srl

Altri titoli dello stesso

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Interpretazione

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Storia

  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Totali
    5 out of 5 stars
  • Interpretazione
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Marco Stel
  • 12 05 2018

Fantastico

Storia dettagliata, interpretazione magnifica, leggera da ascoltare. L'unica nota negativa (artisticamente parlando) sono le musiche prese dal film Frida Khalo. Intendiamoci, non che dispiaccia, ma così il racconto perde l'originalità e potrebbe apparire come una appendice della storia di Frida piuttosto che la unica e straordinaria biografia di Tina.