• Il calo delle nascite in Italia (Audionews)

  • Di: Emilio Crippi
  • Letto da: Lorenzo Visi
  • Durata: 1 ora e 5 min
  • Versione integrale
  • Data di pubblicazione: 05 07 2017
  • Lingua: Italiano
  • Editore: Area 51 Short
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

I numeri parlano chiaro: da gennaio a giugno 2016, i nuovi nati in Italia sono diminuiti del 6%. Si tratta quindi di quasi 14mila bambini in meno di sei mesi. Non è certo una novità per il nostro paese, che negli ultimi anni ha seguito una linea discendente e costante delle nascite. Ma negli ultimi tempi questa tendenza si è accentuata in maniera decisa e, unita a un aumento della popolazione anziana, sta portando a un sostenuto calo demografico nel nostro paese.

Questo fenomeno di calo delle nascite ha ovviamente delle conseguenze sull'Italia, sulla sua struttura sociale e sul suo futuro sviluppo, ma ha anche delle cause scatenanti. Gli anziani hanno maggior necessità di aiuto, mentre le famiglie sono sempre meno in grado di occuparsi dei parenti non autosufficienti; i sistemi previdenziali di conseguenza sono interessati da una forte pressione, perché aumentano il numero di pensioni da pagare e diventa indispensabile accrescere la tassazione.

Qui vedremo meglio nel dettaglio la storia della demografia e della crescita della popolazione, analizzeremo le cause che influiscono sul calo delle nascite e le sue peculiari caratteristiche, osservando che è un fenomeno che coinvolge molti altri paesi, e vedremo infine alcuni possibili modi per invertire o quantomeno stabilizzare questo dato che impoverisce il nostro paese.
©2017 Area51 Publishing (P)2017 Area51 Publishing

Cosa ne pensano gli iscritti

Non ci sono recensioni disponibili