L'uomo e il clima

Letto da: Davide Marzi
Serie: Farsi un'idea
Durata: 4 ore e 26 min
4.5 out of 5 stars (17 recensioni)
Dopo 30 giorni EUR 9,99/mese

Sintesi dell'editore

La concentrazione di anidride carbonica in atmosfera ha ormai superato la soglia di 400 parti per milione. Arretramento dei ghiacciai, scioglimento delle calotte polari, innalzamento del livello del mare, aumento degli eventi estremi sono imputabili al riscaldamento provocato da questo gas serra che è al centro di una complessa interazione fra uomo e clima.

Dall'atmosfera agli oceani, alla biosfera, che cosa è accaduto al nostro pianeta? Quali strumenti abbiamo per contenere i rischi di questa nuova minaccia globale?

©2017 Società editrice il Mulino Spa (P)2019 Audible Studios

Altri titoli dello stesso

Cosa ne pensano gli iscritti
Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    11
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    11
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    9
  • 4 stelle
    4
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Andrea
  • 28/07/2019

Farsi un'idea

Libro molto utile per avere una idea sulle basi scientifiche dell'argomento.
Ho trovato la prima parte difficoltosa da seguire in versione audio, sicuramente meglio in versione cartacea o ebook per chi come me non è troppo avvezzo a trattazioni scientifiche.
L'interpretazione è ottima.

1 person found this helpful

  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Alessandro P.M.
  • 22/11/2019

Un'occasione persa

Se l'autore e la casa editrice il Mulino pensano che "farsi un'idea" - per un profano che voglia avvicinarsi (ed avere quindi le idee più chiare) sull'attualissimo tema del "global warming" - sia sorbirsi una litania interminabile di astruse formule fisiche, temo che non abbiano ben chiaro il concetto di "farsi un'idea" e quindi di "divulgazione".
A differenza di molti altri titoli di questa benemerita collana, anche di carattere scientifico (penso per esempio al bellissimo "Marte, ultima frontiera" del prof. Coradini), questo testo mi è apparso veramente indigeribile, confuso, scritto male e senza aver chiaro il fine che avrebbe dovuto porsi, cioè quello di offrire al lettore una teoria indubitabile sulle cause antropiche del cambiamento climatico attuale. Temo invece che questo testo, purtroppo, contribuirà ancor più a confondere le idee (già abbastanza confuse) dei molti che cercano di ottenere chiarimenti su questo argomento, e questo è davvero un peccato, perché di idee balzane sul tema in giro se ne ascoltano anche troppe.
Formulo un plauso - e do quindi voto pieno - solo alla voce recitante alla quale va tutta la mia solidarietà per l'improba impresa di recitare quel rosario interminabile di formule complesse. Dev'essere stata una fatica immane, poveretto.