Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

L'ultimo dei Mohicani è un romanzo d'avventura scritto da James Fenimore Cooper (1789-1851) e pubblicato per la prima volta nel 1826. Fu il romanzo più letto al suo tempo ed è oggi considerato il suo romanzo migliore.La storia è ambientata nel 1757, nella “guerra dei sette anni” che vide i Francesi strumentalizzare, nella loro guerra contro gli Inglesi per il predominio in alcune colonie, alcune tribù dei nativi americani. Il suo linguaggio piuttosto letterario lo rende abbastanza difficile come lettura per ragazzi, ma il romanzo fa tuttora parte di molti programmi scolastici , negli Stati Uniti.E’ stato adattato in numerosi film e cartoni.Cornice musicale di Kevin Mac Leod.

Public Domain (P)2013 Silvia Cecchini

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Interpretazione

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Totali
    2 out of 5 stars
  • Interpretazione
    2 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Andrea Alesiani
  • 11 06 2018

Perplesso

Mi dispiace sempre recensire un prodotto negativamente, ma credo che i problemi principali dell'audiolibro - che me lo hanno fatto abbandonare dopo una decina di capitoli - siano, nell'ordine:

1) La scelta della traduzione. Non sono uno storico delle edizioni di Cooper, ma non riesco a capire la scelta di utilizzare una traduzione palesemente vetusta. Per rendere l'idea con un singolo esempio, nel corso del testo si trova - di frequente - la congiunzione "eziandio", non esattamente un termine vivo nella lingua contemporanea. Poiché mi pare che ci siano edizioni più moderne (almeno acendo una rapida ricerca, anche se potrei ovviamente sbagliarmi), non vedo il senso di proporre una versione simile, dato che comunque non si tratta di un testo in lingua originale.

2) La narratrice. Qui ovviamente rientriamo nel gusto personale, e mi dispiace ancora di più dare un giudizio negativo. Trovo che abbia un tono estremamente piatto, particolarmente deleterio visto il tipo di eventi narrati nel libro. Specie nelle parti dialogiche, la mancanza di "colore" nei timbri dei personaggi si fa sentire.

3) La mini-colonna sonora a fine e inizio capitolo, che non c'entra nulla e che siamo costretti ad ascoltare due volte ogni volta che il capitolo cambia.