Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Ambientato a Roma dal 1941 al 1947, il romanzo è un grande affresco corale che racconta gli orrori della guerra e della storia, "questo scandalo che dura da duemila anni". Al centro, le disgraziate vicende della maestrina Iduzza Ramundo, vedova mite e rassegnata, e del figlio Useppe, pischelletto dai grandi occhi azzurri spalancati sul mondo.

Pubblicato nel 1974, ottenne un enorme successo e infiammò violente polemiche, diventando immediatamente un caso politico e letterario. Dal romanzo è tratto il film omonimo, diretto da Luigi Comencini e interpretato da Claudia Cardinale.
©1974 / 1976 / 1986 / 1995 / 2005 / 2014 Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino (P)2017 Emons Italia S.r.l.

Altri titoli dello stesso

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Totali

  • 4,4 di 5
  • 5 stelle
    29
  • 4 stelle
    14
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    0

Interpretazione

  • 4,6 di 5
  • 5 stelle
    37
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1

Storia

  • 4,4 di 5
  • 5 stelle
    26
  • 4 stelle
    16
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Cliente Amazon
  • 27 11 2017

da ascoltare assolutamente

è uno dei libri da leggere almeno una volta nella vita. i personaggi sono vivi ed auentici. la natratrice è bravissima

4 su 5 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Utente anonimo
  • 14 02 2018

Emozioni intense

Un racconto trascinante fino alla fine, nonostante la mole, il lungo periodo trattato e la quantità di avvenimenti. Ammirazione per Elsa Morante, per lo stile puro e coinvolgente, per la forza del racconto. Dovrebbe essere una lettura suggerita a tutti, per recuperare un pezzo delle ns radici. Ho sofferto la quantità di dolore.
Complimenti infiniti a iaia forte per l'interpretazione immensa

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Cliente Amazon
  • 08 02 2018

imperdibile

libro immenso poetico da leggere e rileggere
indaga sapientemente la natura umana.
lo consiglio soprattutto ai giovani

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Lubigno
  • 21 01 2018

da solo vale l'abbonamento ad audible

Uno dei migliori libri mai scritti, un linguaggio semplice e coinvolgente fa si che l'immaginazione del lettore sua trasportata, senza nemmeno rendersene conto, tra gli ambienti ed i personaggi della narrazione.
Letto molto bene ed interpretato quel tanto che basta per essere coinvolgente, ma senza esagerazioni teatrali.

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Ruggero Recchioni
  • 03 01 2018

piccoli uomini in un grande momento

ottima interpretazione della letrice. personale ma equilibrata. romanzo con tanto amore per la vita in contrasto con la miseria e le disgrazie del tempo. la protagonista è il personaggio più bistrattato dall'autore. utile a chi vuoke capire cosa è stata la guerra in Italia vissuta dalle persone normali.

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Utente anonimo
  • 11 12 2017

g.gisonda<br />

Eccezionale capacita' narrativa, diluita in una prolissita' fine a se stessa.
Lessico magistrale da studiare.

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Cliente Amazon
  • 24 11 2017

veramente un bel libro<br />


una bella storia, raccontata in maniera egregia. il finale non ve lo racconto... consigliato

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Utente anonimo
  • 17 11 2017

la storia dentro una storia

bello emozionante e letto magistralmente!
la storia dentro una storia...
lo ascoltato con vero piacere

  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Consu
  • 04 11 2017

struggente, drammatico. interpretazione ottima.

libro intenso, narrazione ottima. Avrei saltato parti un po' troppo descrittive di stati d'animo. una frase che mi ha colpito molto:
È curioso come certi occhi serbino visibilmente l'ombra di chi sa quali immagini, già impresse, chi sa quando e dove, nella retina, a modo di una scrittura incancellabile che gli altri non sanno leggere - e spesso non vogliono.

1 su 2 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

Ordina per:
  • Totali
  • Interpretazione
  • Storia
  • Péter
  • 09 11 2017

Linguaggio fresco, contenuto polverosissimo

A volte ho dovuto interrompere l’ascolto per il susseguirsi delle miserie descritte nel romanzo. Serio, drammatico, tragico tutto il libro. In realtà non succede niente di visceralmente catastrofico. Vediamo: una maestra profondamente balorda, di mente mal cresciuta e lenta sopravvive la seconda guerra mondiale a Roma, insieme al suo pupo bastarduccio che due anni dopo, dovuto a certi effetti post-traumatici degli avvenimenti, muore durante un’ attacco epilettico. Non erano trasportati come tutti gli altri giudei della capitale, non erano messi dentro a camere a gas, pativano la fame sì, ma niente orrendo. Eppure...

l’orrendo per me in tutta quella faccenda sorge dall’ottusità della madre, la quale non è capace per un solo istante di stimulare il suo bambino. Useppe, nato precoce e promettente, alla fin fine diventa un bimbo segregato, tardo, senza informazioni proprie sul mondo intorno a lui. La madre non gli parla, non gli racconta e canta sempre la medesima canzone e Useppe è costretto varie volte a star solo in una camera chiusa a chiave senza uno straccio o anima viva con cui giocare. La gente intorno a loro è troppo indaffarata a badarci, ognuno gli caccia via, rimane dunque la madre sempliciotta che no nutre e basta. Useppe muore non per ragioni sanitari, egli muore per via dell’indifferenza generale e mancanza di stimoli mentali. Dico sul serio, “La Storia” mi fece maggiore effetti che un qualsiasi romanzo di orrore.

D’altro canto il libro ormai perse ogni rapporto con la realtà. All’epoca forse forse destava polemiche ma oggigiorno è fuori stagione. Un redattore del 2017 taglierebbe – a titolo giusto – due terzi del testo. Sì, Elsa Morante scrive bellissima, ma il romanzo è stracolmo di descrizioni ed idee irrelevanti al lettore di oggi. Io stesso dovevo saltare alcuni capitoli dove il tossicomane Davide parla per quasi cento pagine sugli orrori della guerra e su certi sbagli storici. Presso Morante è tutto ingombrante, troppo, abbundante, interi paragrafi o capitoli a descrivere visioni e sogni, relazioni famigliari e andirivieni per strade in rovina: ma con certi brani memorabilissimi. La psicologia dei personaggi non regge affatto, quel che rimane però è l’empatia immensa della Morante per i bambini.

Invece delLa Storia il romanzo doveva intitolarsi magari Ida ed Useppe o Roma città zombi, perché c’è solo l’ambizione del titolo e manca un resoconto storico bell’e proprio. Ma poniamo che anche questo serve come un’allegoria.

La narrazione della signora Forte è eccessionale. Ella canta, grida, sussurra e ride con trasporto, offrendo colori a un libro alquanto debole. Be’, buon coraggio a tutti quelli che scaricano quest’opera! Io da parte mia con la Morante ho rotto definitivamente.

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione