L'equivalente mentale

Il metodo più semplice per manifestare la realtà che desideri
Di: Emmet Fox
Letto da: Simone Bedetti
Durata: 1 ora e 7 min
4.5 out of 5 stars (9 recensioni)
Dopo 30 giorni EUR 9,99/mese

Sintesi dell'editore

Da Emmet Fox uno splendido audiolibro sul potere creativo dell'immaginazione.

C'è un equivalente mentale di ogni oggetto o evento sul piano fisico. È il messaggio di questo potente ascolto di Emmet Fox, uno dei leader spirituali più influenti del Ventesimo secolo, pioniere del movimento del Nuovo Pensiero e ispiratore di molti autori contemporanei di crescita personale e motivazione, come Wayne Dyer, Esther Hicks e Louise Hay.

Con questo ascolto Fox ci spiega che se desideriamo essere, fare o avere qualcosa, dobbiamo creare e mantenere una chiara immagine di questa cosa nelle nostre menti. Con un linguaggio diretto e numerosi esempi pratici, l'autore ti spiega come creare e rendere tangibile il tuo equivalente mentale e così manifestare la realtà che desideri.

"Dopo duemila anni di cristianesimo tradizionale il mondo sta attraversando difficoltà disperate. Ma noi conosciamo la verità, e non giudichiamo dalle apparenze. Sappiamo che viviamo in un mondo mentale, e saperlo è la chiave della vita." (Emmet Fox)

©2018 Area51 Publishing (P)2019 Area51 Publishing

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    3
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Non ci sono recensioni disponibili
Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Giocondo Maria
  • 01/05/2019

un aiuto nella quotidianità

Una tecnica per migliorare la vita e realizzare il proprio potenziale. La narrazione è un po monotona. ma quello che conta è il contenuto