Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Pubblicato per la prima volta nel 1896, narra le vicende di Emilio Lograve. L'infanzia sfortunata, non per censo quanto per una sgradevole situazione familiare, è all'origine del suo carattere problematico. Una ossessiva ricerca della felicità ed il desiderio di trovare l'amore negatogli nell'infanzia lo rendono simile a tanti caratteri attuali, anche nelle azioni che si troverà a compiere alla ricerca del suo riscatto.

Bersezio si dimostra maestro nella descrizione della psicologia dei personaggi.
©dominio pubblico (P)2017 Mnamon

Cosa pensano gli ascoltatori di La testa della vipera

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    6
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Recensioni - seleziona qui sotto per cambiare la provenienza delle recensioni.

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 07/03/2020

Ripescaggio

Scrivevano bene, anche nell''800 storie di amre e tradimenti. Pieno di colpi di scena. Bello.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 17/02/2020

ottimo

Il libro è dell'800. L'editore lo battezza come introvabile ed in effetti non mi sarebbe neanche venuto in mente di cercarlo. L'operazione è interessante, infatti possiamo apprezzare un bel romanzo, probabilmente di successo ai suoi tempi ma che non ha bucato lo spazio-tempo fino a noi. La lettura è rispettosa del testo.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 30/01/2020

Riproposta

Riascoltare un romanzo dell'800, che ha avuto successo ma ora dimenticato, è un'operazione interessante. Un come scrivevano e come vivevano, i valori di allora, in una società che si dimostra in una sua unicità. Audilibro consigliato.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 31/12/2019

Un'altra epoca

Stupisce in questo romanzo scritto nell'800 scoprire i valori della borghesia di allora, tra onore e malvagità. La storia vale, la recitazione abbastanza. Lo consiglio a chi ama la buona letteratura.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 15/11/2019

Lodevole

Una bella operazione questa di Audible di proporre opere del passato che non hanno rotto il muro del tempo, ma sono comunque ben scritte e danno un ritaglio dei tempi che furono, peraltro in questo caso non lontanissimi. Ottimo il porgere di Moccia.
Consigliatissimo.

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Utente anonimo
  • 27/08/2018

Riscoperte

Un libro a suo tempo famoso, scivolato nel dimenticatoio, come, penso, tanti altri.
Il suo pregio è di farci conoscere come ragionavano i nostri trisnonni, qual era la loro morale, il loro atteggiamento nei confronti del male, il duello, molto diffuso, come rendiconto con gli avversari, per qualsivoglia causa avversi.
La prosa è anche ampollosa, datata, lontana dai canoni moderni.
Un romanzo borghese fin nel midollo, rivolto alla ricca borghesia del tempo, composta da coloro che acquistavano libri. Scritto quindi con chiare idee di marketing.
Insomma, alla fine si è riconoscenti per queste pubblicazioni datate, che ci fanno scoprire i tempi andati, probabilmente non così belli come si favoleggia a volte.
Onesta l'interpretazione della voce narrante, che rende senza sotterfugi la storia, un po' troppo distaccata.